Yourp: nuova App tra realtà aumentata e geolocazizzazione [intervista]

1620
0
CONDIVIDI

Yourp è un’applicazione mobile per Android che fonde insieme geolocalizzazione e realtà aumentata per far vivere la città in un nuovo modo, questo è quello che dicono gli sviluppatori di questa App.

In questi giorni è stata rilasciata la versione Beta Pubblica, scaricabile su richiesta dal loro sito, questo periodo servirà a loro per testare e farsi segnalare dagli utenti, che la provano, i più tanti problemi e le imperfezioni che incontrano durante il loro utilizzo.

Nei prossimi giorni l’app verrà rilasciata sul Google Play!

Siamo riusciti ad avere un’intervista con gli sviluppatori nella quale ci danno una panoramica più completa dell’applicazione, spiegando qualcosa in più del loro sviluppo e delle caratteristiche generali che possiede il software da loro scritto, toccando alcuni punti interessanti come il consumo della batteria e la geolocalizzazione.

Ecco l’interessante intervista che abbiamo effettuato:

TechGenius: Buongiorno, innanzitutto grazie per averci concesso questa intervista. Cominciamo con le solite domande di routine: parlateci un po di voi. Chi siete? Da quali persone è composto il vostro Team? Per che motivo avete iniziato questa avventura?

Yourp Team: Buongiorno a voi e grazie per questa fantastica opportunità. Il team di Yourp è attualmente composto da sei membri che si sono aggregati poco alla volta partendo circa otto mesi fa. Tutto è partito da Stefano Covolan, studente di Economia, che una sera, un po’ per gioco e un po’ per bisogno si mise a buttare giù le prime righe. Da subito fu Lorenzo Chiellini, suo amico e compagno di università, a supportare l’idea e a prendere seriamente in considerazione di realizzarla. Francesco Pongetti, neolaureato in Ingegneria Gestionale, bloccato in un corridoio del Politecnico di Milano decise di partecipare come programmatore. Salvatore Cino fu contattato via web da Stefano e fu subito felice di mettere a disposizione le sue capacità di programmatore Android. Poi venne il turno di Martin Michelini, anche lui compagno di università di Stefano, a cui venne chiesto di promuovere e far conoscere Yourp sui social media. Infine si aggregò Alex Monti, programmatore di grandissima esperienza, come sviluppatore per devices iOS. Tutti abbiamo scelto di partecipare a questo progetto perchè ne riconosciamo le potenzialità: è una idea estremamente valida per la quale vale la pena di mettersi in gioco.

TechGenius: Come mai avete scelto Andorid e non per esempio iOS o addirittura Windows Phone?

Yourp Team: Per risolvere subito un problema enorme, la frammentazione di Android! la nostra app, per essere il più performante possibile si adatta alle caratteristiche di ogni singolo Device, iOS ha un dispositivo che è identico per tutti, Android ne ha veramente moltissimi, quindi la scelta è stata quella di investire le energie fresca nel problema più grosso di tutti, rendendo molto più veloci gli altri sviluppi. Per fortuna o casualità abbiamo trovato fin da subito 2 programmatori Android mentre abbiamo aspettato mesi un programmatore iOS, quindi a quel punto è diventato anche un obbligo partire su Android e devo dire che la cosa ci è piaciuta molto perchè mediamente si parte subito da iOS quando si fa un app, noi abbiamo fatto a modo nostro.

TechGenius: In futuro, avete in mente di sviluppare per altre piattaforme mobile?

Yourp Team: Abbiamo già iniziato lo sviluppo di Yourp per iOS, con meno ore di sviluppo sulle spalle l’app è un attimo più arretrata rispetto a quella per Android, sicuramente non si tratta della classica frase “entro 6 mesi anche su iOS” ma direi che qualche mesetto ci serve. Dopo l’uscita su iOS che è sicura, prenderemo in considerazione WP o BB, l’ideale nostro sarebbe uscire su tutti i devices, ma serve moltissimo lavoro e ovviamente dei programmatori validi.

TechGenius: Come stanno procedendo le prime ore di test, con la Beta pubblica?

Yourp Team: Per ora il test procede in maniera soddisfacente: abbiamo riscontrato alcuni problemi minori dovuti alle differenze tra i vari devices, problema che prima della beta non ci era stato possibile eliminare data la ristretta gamma di modelli su cui potevamo provare l’app. A parte queste piccole questioni, il sistema nel suo complesso regge, ha performance più che soddisfacenti e cosa assolutamente importante piace agli utenti, nessuno di loro ci ha chiesto come usarla o cosa farsene, hanno tutti iniziato a fare quello che si sentivano.

TechGenius: Quando l’applicazione uscirà dalla versione Beta e sarà disponibile in Play Store? Abbiamo intenzione di pubblicare

Yourp Team: Yourp sul Play Store verso la fine di questa settimana.

TechGenius: Il consumo della batteria è elevato? Che tecniche avete utilizzato per migliorare questo importantissimo?

Yourp Team: Il consumo della batteria è stato ottimizzato al meglio, inizialmente avevamo ipotizzato una ricezione di 5-6 Print al giorno e diverse azioni classiche da fare, vedere alcune volte la mappa con gli amici, mandare 1-2 richieste di incontro, guardare un po’ di cartelloni prendendo un caffè, insomma un uso quotidiano, facendo tutti i test e lasciando l’app attiva tutto il giorno il consumo è sceso del solo 9%, purtroppo con l’inizio della Beta il numero di messaggi ricevuti al giorno è nettamente superiore, siamo su un 20-25 al giorno e di conseguenza la vita della batteria è un po’ diminuita. Diciamo che comunque su Galaxy Note e Galaxy SII si arriva a fine giornata senza problemi pur tenendo l’app sempre accesa. Per quanto riguarda le tecniche diciamo che è un po’ lungo da spiegare, facendo le cose brevemente sfruttiamo la triangolazione wifi e le celle gsm in modo da tenere spento il gps il più possibile, se ad esempio siamo seduti, bussola ed accellerometro del telefono sono fermi quindi anche il sistema è tutto spento, quando torniamo a camminare il sistema riconosce il movimento e torna a controllare, tutto questo cambia invece quando siamo in modalità AR (realtà aumentata) perchè il segnale GPS è sempre acceso, c’è da dire che l’AR non viene usata per 5 ore, tipici utilizzi sono: i 2 minuti alla fermata del tram, 5 minuti seduti al bar, 2 minuti seduto sulle panchine nel parco, tutte cose molto semplici e veloci.

TechGenius: I terminali non dotati di GPS non potranno utilizzare l’applicazione, giusto? Perchè?

Yourp Team: I terminali privi di GPS non potranno utilizzare l’applicazione perchè per il momento l’app nasce come app per dispositivi mobile, non è stata pensata per essere usata su un Tablet o Netbook. Se si provasse ad installare su un dispositivo senza GPS il sistema non sarebbe in grado di far partire delle calls al dispositivo per settare il GPS e di conseguenza, verrebbe inviato un messaggio di errore rendendo quindi impossibile anche solo l’avvio. Per il futuro abbiamo pensato di rilasciare una versione anche per Desktop per diversi motivi, ma per il momento non è nemmeno di fase di programmazione.

TechGenius: Qual’è il plus della vostra applicazione?

Yourp Team: La nostra applicazione integra geolocalizzazione e realtà aumentata, due trend in forte crescita in questo periodo, e lo fa creando un sistema privo di elementi superflui, che risponde ad una specifica necessità: condividere ciò che ci piace nel luogo che vogliamo. Si tratta di unire virtuale e reale in un sistema innovativo e divertente da usare, che permette di portare il web 2.0 fuori dalle quattro mura di una stanza verso gli spazi delle città.

TechGenius: Come avete intenzione di coinvolgere gli utenti? Che tipologia di notifiche invierete ad esso?

Yourp Team: Cerchiamo di coinvolgere gli utenti mostrando loro quanto Yourp sia una ventata di aria fresca, uno strumento divertente da usare. Lo facciamo attraverso i nostri canali sui social media e puntiamo molto anche sul passaparola. Quello che vogliamo trasmettere è che si possono divertire in totale tranquillità, non vogliamo impostare la nostra app per fare 1 cosa specifica, le potenzialità sono molte e secondo noi deve essere l’utente a decidere.

TechGenius: Quali vantaggi potrebbe avere l’utente che utilizza l’applicazione?

Yourp Team: Diciamo che l’utente si trova in una realtà diversa dal solito, per la prima volta le emozioni provate dalle persone si mischiano realmente con l’ambiente che essi hanno intorno, questo ci permette di condividere emozioni su noi stessi o le persone che ci stanno vicine (la prima litigata con un amico, il primo bacio con la fidanzata), ma anche sui locali che abbiamo provato (un commento sulla cena in un nuovo ristorante, la serata X in una discoteca). Attreverso questa funzione noi produciamo dei contenuti che sono molto interessanti per gli altri: se non ho mai provato un determinato ristorante, riesco a capire se è valido o meno perchè sono gli utenti ad avermelo detto; ma permette anche a noi di trasmettere i nostri pensieri in totale libertà

TechGenius: L’app sarà integrata con i social network? In che modo?

Yourp Team: Abbiamo già implementato Yourp a Facebook permettendo il Login attraverso il proprio profilo e la condivisione dei Print e dei Cartelloni in Realtà Aumentata sulla propria bacheca. Il prossimo social network ad entrare sarà Twitter, probabilmente con le stesse strutture dell’integrazione con Facebook.

TechGenius: Cosa c’è da aspettarsi per le prossime versioni della vostra Applicazione?

Yourp Team: Come si può facilmente vedere dalla Beta alcuni Tasti non funzionano, per la precisione 4: caricamento di una foto, di un video, di una clip audio e sincronizzazione con account Twitter. Nelle breve periodo puntiamo a rendere funzionanti quei tasti anche per rendere l’esperienza su Yourp decisamente più completa.

TechGenius: Effettuerete un live per presentare la vostra App?

Yourp Team: Purtroppo il nostro lancio in Live sarà un po’ sottotono se vogliamo metterla così, saremo online su Google Play e lo comunicheremo sui nostri vari canali. L’idea di organizzare un vero e proprio evento in maniera ufficiale ci sarebbe, il problema è la mancanza di fondi al momento. C’è sicuramente la possibilità che in futura venga fatto comunque un primo evento per recuperare e festeggiare un po’ con tutte le persone che ruotano intorno a Yourp, non appena avremmo deciso vi aggiorneremo e vi invito ad esserci :)

Vi lasciamo al video che pubblicizza l’App:

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS