Tizi Mobile TV per iPhone e iPad: la recensione

3362
4
CONDIVIDI

Siete degli amanti della televisione e non volete staccarvi dalla TV neanche per andare a fare una vacanza o una gita? Ecco che oggi vi mostriamo il prodotto che fa per voi. Grazie alla disponibilità di Belkin abbiamo avuto la possibilità di recensire per voi il Tizi Mobile TV compatibile con tutti i dispositivi di marca Apple, ovvero iPad, iPhone, iPod Touch e anche Mac.

Ma cos’è di preciso questo dispositivo? Facile, è un piccolo digitale terrestre portatile che non sfrutta alcuna connessione internet, perciò è possibile utilizzarlo senza dover avere una rete Wi-Fi. Poi, tramite un hotspot che si creerà con il dispositivo, sarà possibile trasmettere il segnale DDT dell’apparecchio direttamente al dispositivo Apple.

E’ facilissimo preparare il prodotto per l’utilizzo e configurare le opzioni che si desiderano. Prima di tutto è di fondamentale importanza scaricare l’applicazionetizi.tv” di Equinux da App Store, perché senza di questa non potete guardare la TV. L’applicazione è gratuita e una volta scaricata dovete accendere il Tizi Mobile TV, recarvi nella sezione Impostazioni, nel vostro dispositivo, Wi-Fi, e collegarvi alla rete senza password creata da Tizi (es. tizi.tv 20602).

Dopo esservi collegatevi uscite dalle Impostazioni, e aprite l’applicazione precedentemente scaricata, essa effettuerà automaticamente una scansione di tutti i canali presenti usando la Smart Location, la funzionalità che permette di scaricare i canali presenti nella vostra zona. Questo non significa che non avremmo a disposizione altri canali, anzi, dalle impostazioni dell’app è possibile scegliere di fare una scansione completa di tutti i canali presenti nel mondo, oppure per singolo paese.

Una volta effettuata la scansione, vi ritroverete con più di 100 canali disponibili, completi di guida e orari. Una delle funzionalità più belle di Tizi sta nella possibilità di poter registrare un programma televisivo tramite il tasto REC presente nella schermata di tizi.tv. Dalle impostazione dell’app inoltre è possibile ordinare o eliminare determinati canali, ottimizzare la visualizzazione, impostare una password all’hotspot che crea Tizi e perfino sapere la percentuale della batteria e la potenza del segnale TV.

La qualità video è molto alta anche se non sempre fluida, ma questo dipende molto oltre che da Tizi, dall’intensità del segnale del digitale terrestre nella propria zona. Nella mia zona il segnale prendeva sempre bene e Tizi è riuscito a memorizzare ben 125 canali, scorrevano fluidamente e anche l’audio era perfetto. Per chiunque volesse viaggiare in compagnia dell’amata TV di certo può comprare questo utile prodotto.


Prodotto: Tizi Mobile TV
Produttore: Belkin
Prezzo: 139,99€ ma tutto dipende dalle offerte
Giudizio: 9/10 –  Ha tutte le caratteristiche necessarie per meritarsi di un gran voto, le dimensioni sono talmente piccole che è possibile inserirlo in tasca come un normale telefono. L’unico difetto che è notato è quello del prezzo elevato, si, se lo merita, ma voi spendereste 140 euro per vedere la TV in uno schermo piccolo come quello dell’iPhone? Credo di no, almeno che sia un Mac o un iPad.
Dove Comprare:  Questa prodotto è possibile acquistarlo on line oppure nei seguenti negozi.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Carlo

    Salve!ho acquistato il dispositivo,anche grazie alla vostra precisa recensione,ma vorrei guardare la tv sul mio macbook è ho visto che su App store non è disponibile alcun programma per quest’ultimo,ma bensì solo per iphone e ipad.Come faccio?potete aiutarmi?Grazie mille

    • Purtroppo non si può, questo accessorio permette di guardare la TV solo su device con iOS.

      • Sarebbe possibile invece. La Mobile TV è ora compatibile anche con Mac, scaricando l’applicazione The Tube direttamente dal sito Equinux. http://www.tizi.tv/en/app.html
        inserisci il tuo codice tizi, si trova nel retro del manuale presente nella scatola, e segui tutti i passi..

  • aberto

    ma si puo’ usare tenendolo sotto carica per aumentare l’autonomia?