Apple: seconda class action contro Siri

561
0
CONDIVIDI

All’inizio di questo mese, Frank Fazio istituì una class action contro Apple e la sua funzionalità Siri. Fazio sostiene che la societò con sede a Cupertino pubblicizza in modo ingannevole la sua nuova funzionalità di riconoscimento vocale, rendendola più facile da utilizzare e potenzialmente avanzata di quanto in realtà non sia realmente.

Quest’oggi, una seconda class action è stata intrapresa a Los Angeles. Il Los Angeles Times riporta i contenuti di questa azione di massa contro Apple:

Attraverso la sua campagna nazionale di marketing multimediale, Apple diffonde dichiarazioni false e ingannevoli per quanto riguarda la funzionalità Siri. Ad esempio, in molti spot Apple trasmessi in TV, i consumatori vengono inquadrati mentre utilizzano Siri per effettuare chiamate, trovare ristoranti, e anche per imparare gli accordi della chitarra di brani rock classici. Nelle sue pubblicità, Apple descrive queste azioni con la stessa facilità con cui ne fa richiesta a Siri. Gli spot ingannevoli di Apple divergono notevolmente con la funzionalità effettiva di Siri, come sperimentato dal querelante e dagli altri consumatori.

fonte | BGR

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS