Kim Dotcom conferma: governo si è sbagliato su Megaupload

293
2
CONDIVIDI

Kim Dotcom, fondatore di Megaupload, che è stato arrestato con l’accusa di estorsione, violazione del copyright e riciclaggio di denaro in uno dei più grandi casi criminali di questo tipo, sta mantenendo la sua innocenza. Dotcom continua a sostenere che non era un cosiddetto re della pirateria, ma un uomo che gestiva un business legittimo ed offriva servizi online a banda larga.

Il fondatore di Megaupload sostiene che l’industria dell’intrattenimento non vedeva l’ora di lavorare con il proprio sito, vedi Disney, Warner Brothers e Fox per citarne alcuni. Dotcom in precedenza ha sostenuto che molti funzionari del governo degli Stati Uniti, compresi i membri del Dipartimento di giustizia e del Senato degli Stati Uniti, hanno utilizzato il suo servizio di file-sharing. Ha anche detto che il servizio ha avuto più di 15.000 iscritti, tra i quali tanti in servizio nelle forze armate degli Stati Uniti, molti dei quali utilizzavano il servizio per condividere le foto con i loro cari.

Mentre Dotcom sembra in grado di dimostrare che i funzionari del governo statunitense e i suoi dipendenti utilizzavano i suoi servizi di Megaupload, ha offerto molto poco in termini di prove concrete per dimostrare la propria innocenza per quanto riguarda le accuse contro di lui.

“Non abbiamo fatto niente di male”, continua a dire Dotcom. “Attenzione alle nostre prime mosse in risposta alla MPAA sponsorizzata dall’accusa. Sarà una situazione illuminante e forse anche divertente.”

fonte | BGR

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • mcguolo

    Complimenti per la pessima traduzione. Rende l’articolo illeggibile, a tratti. -_-