Multitouch iDesk Concept: il futuro del desktop passa da qui

694
1
CONDIVIDI

Se avete apprezzato l’articolo sui futuri impieghi di pannelli multitouch nella nostra quotidianità domestica e non, sicuramente apprezzerete il concept di questa scrivania di nuova generazione: la iDesk.

Queste sono le parole del designer Adam Benton che ha realizzato l’opera:

L’intera scrivania sarà un display multitouch in grado di eseguire molte app contemporaneamente come un calendario, un telefono, o dei Post-it digitali, che rimpiazzeranno completamente la loro controparte fisica. Notifiche, Promemoria, videoconferenze, strumenti Adobe e widget come calcolatrici o meteo appariranno sulla superficie delle vostre scrivanie, mettendovi tutto ciò di cui avete bisogno a portata di mano.

Anche se è altamente improbabile che Apple rilasci effettivamente una iDesk in futuro, come giustamente fa notare anche MacTrast, è indubbio che la riappropriazione della metafora di desktop (introdotta per la prima volta sui computer Macintosh) da parte di una scrivania reale e tangibile eserciti una certa attrattiva.

Ma lasciate che vi ponga una piccola domanda: secondo voi quel monitor serve ancora?

fonte | MacTrast

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Giandomenico Merlo

    Il monitor verticale non serve.
    Quanto proposto è improbabile: troppo costoso, farebbe la fine del Lisa. Ma perché non pensare ad un futuro in cui un computer tipo iPad da 40″ non possa essere inserito orizzontalmente in una scrivania normale (facendo un foro per dare continuità orizzontale) e riprendere ad operare come ante PC?. Per i più giovani, prima dell’avvento dei PC si scriveva, leggeva e disegnava in orizzontale, poi grazie agli RCT si è cominciato a operare su una scrivania verticale, e si continua nonostante l’avvento degli LCD.
    Togliamoci la barriera degli schermi verticali sulla scrivania, vanno bene appesi sui muri, ma non sulle scrivanie.
    Un iMac-O(rizzontale) su ogni scrivania e la cosa sarebbe economicamente fattibile e non servirebbe pensare a Microsoft Surface.