Gli Anonymus rispondono alla chiusura di Megavideo

356
0
CONDIVIDI

Ieri vi abbiamo dato la notizia della chiusura dei siti Megaupload, Megavideo e di altri siti a loro annessi. A quanto pare il gruppo di Hacker Anonymus ha risposto mandando offline importanti siti web che avevano contribuito alla chiusura di Megaupload.

Buona parte dei siti Hackerati sono tutt’ora offline. Tra questi siti ci sono: RIAA, MPAA, Universal Music e il Governo degli Stati Uniti con il sito Justice.org (online da stamani). L’iniziativa è partita da Twitter e pian piano si è diffusa e ha preso piede.

La notizia della chiusura di questi siti ha aperto un dibattito molto acceso che è avvenuto durante la notte in tutta la rete. Bisogna considerare che la violazione di copyright e l’intenzione di usare il famoso sito di file sharing per la condivisione di materiale protetto era esplicita, ma c’è anche da considerare che molti utenti utilizzavano questa risorsa anche per scopi personali, con materiale legale e privato.

Questo potrebbe portare anche alla chiusura di altri siti simili, scatenando una rivolta della rete.

fonte | HDblog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS