Bayern e Dortmund avanti di misura, un super Gladbach disintegra l’Hertha

127
0
CONDIVIDI
Ramos

Prodezze, gol e crolli clamorosi, hanno contraddistinto il 28° turno di Bundesliga. La prima prodezza, importante quanto bellissima, l’ha regalata Franck Ribery, capace di infilare la porta dell’Eintracht Francoforte con una mezza rovesciata da applausi. La sua gemma consente al Bayern Monaco di vincere di misura contro i rossoneri di Kovac restando così a + sul Borussia Dortmund. Guardiola ha rispedito in campo Mario Götze dal primo minuto, ritrovando anche Javi Martinez in difesa al fianco di David Alaba. Il tutto in una partita controllata senza patemi d’animo con la compagine bavarese che con la testa è già all’impegno di Champions League contro il Benfica.

Ribery
Lo splendido goal di Franck Ribery segnato contro l’Eintracht Francoforte

La vittoria di misura consente ai Campioni di Germania di mantenere il vantaggio sul Borussia Dortmund, vittorioso 3-2 in rimonta contro un tostissimo Werder Brema. I gialloneri di Tuchel hanno avuto la meglio a 8′ dalla fine grazie alla zampata del rinato Adrian Ramos (ancora lui, quarto gol consecutivo del colombiano), in una gara che il Werder ha controllato con il piglio della grande squadra ribaltando la rete iniziale di Aubameyang con 6′ di fuoco firmati da Galvez e Junuzovic.  Anche il Borussia ha dimostrato di essere con la testa all’impegno di Europa League contro il Liverpool, con Tuchel che ha proposto un’insolita coppia centrale formata da Ginter e Bender, difficilmente riproponibile in futuro. Peccato per i “Verdi” di Skripnik, che con questa sconfitta restano ancora impelagati nella lotta retrocessione. Ci sarà da soffrire fino all’ultimo e forse anche oltre.

Lo spettacolo puro, come capita or ai da al meno tre anni a questa parte, lo regala in casa il Borussia M’gladbach. I Fohlen hanno riportato sulla terra l’Hertha Berlino con un pesante 5-0 firmato dagli esterni terribili Hahn, Hazard (doppietta), Hermann e Traorè. E’ tornato al gol anche Andrè Hahn, nuovamente in campo dall’inizio dopo il brutto infortunio al tendine d’Achille dello scorso ottobre. Adesso i bianconeroverdi di Schubert sono a – 3 dal terzo posto dell’Hertha e possono contare sulla loro straordinaria vena realizzata dei suoi centrocampisti e su di un calendario forse più semplice rispetto ai capitolini di Dardai. L’unico neo è la continuità, perchè se il Borussia riuscisse a fare in trasferta almeno la metà di quello che riesce a fare in casa, i Fohlen sarebbero di gran lunga la terza forza di Bundesliga.

Il 28° turno è stato anche quello dei crolli di Wolfsburg e Schalke 04. I Lupi di Hecking, ormai lontanissimi dalla zona Champions e in pericolo anche per quella Europa League, hanno perso nettamente contro il Bayer Leverkusen per 3-0 nell’anticipo del venerdì sera. Grazie alla terza vittoria consecutiva, i rossoneri di Schmidt si rilanciano al quarto posto in classifica a pari merito del Borussia M’gladbach. Senza più l’impegno delle coppe europee, per i due restanti posti in Champions League sarà una lotta bellissima tra Hertha, Leverkusen e Gladbach. Una lotta a suon di spettacolo e gol.

Hernandez
Javier Hernandez in gol contro il Wolfsburg. Per il messicano 15 reti in Bundesliga.

Resta in scia europea anche lo Schalke 04 nonostante l’ennesima figuraccia della stagione. I Knappen hanno perso 3-0 contro l’Ingolstadt vanificando la vittoria di venerdì scorso contro il Borussia. Partita bruttissima quella dei ragazzi di Breitenreiter, mai nel match e sconfitti nettamente dagli Schanzer che mettono una seria ipoteca sulla permanenza in Bundesliga con la loro imbattibilità casalinga che dura da ottobre 2015. Il neo d.s. Heiden avrà un gran da fare il prossimo anno per riportare il alto uno Schalke dotato di grande qualità ma di poca personalità.

Pari spettacolo tra Darmstadt e Stoccarda, con un punto che consente agli Svevi di restare a + 6 dal terzultimo posto. In chiusura c’è il triste epilogo dell’Hannover, che mestamente dice addio alla Bundesliga perdendo 3-0 in casa contro l’Amburgo. La sconfitta coincide anche con l’addio di Thomas Schaaf alla panchina dei Sassoni, sostituito dal tecnico dell’under 19 Daniel Stendel. L’Amburgo sale invece a metà classifica e può sperare, dopo tre anni, di vivere un finale di campionato tranquillo.

Ultima lezione per il Mainz, strepitoso nel vincere 4-2 contro l’Augsburg trascinato dalla doppietta di De Blasis. I biancorossi sono lanciatissimi in zona europea addirittura a -1 dal quarto posto Champions. Non era facile battere un Augsburg bisognoso di punti ma stavolta oltre allo spettacolo i ragazzi di Schmidt hanno messo in campo anche tanto cuore. Lo stesso di cui avrà bisogno l’Augsburg per centrare la salvezza, adesso lontana 1 punto ma nel pieno di una lotta durissima. Weinzierl, prima di iniziare la sua avventura a Lipsia, dovrà regalare la salvezza ad una squadra che da almeno due stagioni ha dato alla Bundesliga spettacolo e grandi sorprese.

Nel posticipo di domenica tra Hoffenheim e Colonia, Kevin Volland al 91′ ha regalato ai biancoblù di Nagelsmann un punto preziosissimo nella lotta salvezza. Era fondamentale vincere per i padroni di casa ma il pari consente comunque di restare a +1 dal terzultimo posto e sabato prossimi si giocherà tutta la stagione nella trasferta di Francoforte.

Risultati Bundesliga offerti da livescore.it

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS