Wolfsburg: stop al centro di formazione giovanile, primi effetti dello scandalo Volkswagen

191
0
CONDIVIDI
Volkswagen

Iniziano a farsi sentire, inevitabilmente, i primi segnali dello scandalo Volkswagen sul Wolfsburg, la società di calcio controllata dal colosso tedesco delle auto.

Anche se il d.g. del club, Klaus Allofs, ha dichiarato che la Volkswagen non verrà meno al suo impegno economico nei prossimi anni, questa mattina la Bild ha reso pubblico lo stop dato ai lavori per la costruzione del nuovo centro di formazione giovanile che il Wolfsburg stava costruendo vicino al centro sportivo. Il CEO di Volkswagen, Matthias Müller, aveva evidenziato nei giorni scorsi come la società avrebbe rispettato tutti i suoi impegni economici ma che allo stesso modo avrebbe procrastinato in avanti tutti gli interventi “non urgenti”. Il centro di formazione giovanile del Wolfsburg, dal costo di 40 milioni di euro, è certamente un’opera che rientra in questa categoria e che la Volkswagen ha provveduto immediatamente a sospendere.

Così nel Wolfsburg inizia a serpeggiare un po’ di timore, visto che la Volkswagen ha un impegno economico (diretto o tramite le sue società controllate) in ben 17 club di prima e seconda divisione per un totale di oltre 200 milioni di euro a stagione. Il fresco contratto che il Wolfsburg sta per firmare con Nike (80 milioni di euro) porterebbe nelle casse biancoverdi solo una parte di quel denaro che ogni anno è assicurato dal colosso delle auto. Allofs, nell’ultima conferenza stampa, ha ribadito con forza che “i tagli al bilancio della Volkswagen non riguarderanno il club”, anche perchè c’è un legame affettivo molto forte che va al di la dell’aspetto economico”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS