CONDIVIDI
Twitter

«Abbiamo assunto decisioni difficili, ma necessarie per permettere all’azienda di crescere». Così Jack Dorsey, nuovo CEO di Twitter, ha commentato il taglio dell’8 per cento della forza lavoro (fino a 336 dipendenti). «Il consiglio di amministrazione ha approvato un piano di ristrutturazione e riduzione della forza lavoro», troviamo scritto nella nota ufficiale. La somma stimata per la riorganizzazione interna dovrebbe oscillare tra i 5 e i 15 milioni di dollari e il taglio si tradurrà in spese in contanti per 10 o 20 milioni di dollari.

Il CEO ha voluto scrivere una lettera ai dipendenti per metterli al corrente di quanto sta succedendo all’interno della società: «Andiamo avanti con la riorganizzazione della nostra forza lavoro così da permettere all’azienda di crescere. Il nostro piano d’azione prevede un cambiamento nel modo in cui lavoriamo e siamo convinti che il settore ingegneria si muoverà molto più velocemente con un team più piccolo e agile, pur continuando a costituire la percentuale più alta della nostra forza lavoro».

Twitter aiuterà i dipendenti licenziati a trovare un nuovo impiego

L’azienda, afferma Dorsey, si prenderà cura di ciascun individuo offrendo generose buonuscite e aiutandoli a trovare un nuovo impiego.

«Non è facile. Ma è giusto. Il mondo ha bisogno di un Twitter più forte, e questo è un passo in più verso quell’obiettivo», ha concluso il CEO del social network. Subito dopo l’annuncio, il titolo in borsa di Twitter è arrivato a guadagnare oltre il 5 per cento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS