Euro 2016: una storica Albania vola all’Europeo, Lewandowski è da record

196
0
CONDIVIDI
Albania

Non smettono di regalare sorprese le qualificazioni a Euro 2016. Dopo le storiche “prime volte” di Irlanda del Nord, Islanda e Galles, è arrivata anche la prima qualificazione alla fase finale di un europeo dell’Albania. Il c.t. Gianni De Biasi ha scritto una pagina di storia della nazionale albanese che mai in 50 anni aveva raggiunto un traguardo simile. In un girone complicato e con squadre di livello come Portogallo e Danimarca, la nazionale delle “aquile” ha conquistato il secondo posto a – 4 dai lusitani esprimendo sempre un calcio piacevole e combattivo nel pieno spirito albanese. Squadra giovanissima (21,7 anni di media) e dotata di buon talento che adesso tutti potranno ammirare agli europei in Francia.

Protagonista – De Biasi dopo il successo finale 3-0 contro l’Armenia ha ringraziato tutti quelli che dall’inizio avevano creduto nel suo lavoro di commissario tecnico: “Tre anni e mezzo fa c’erano pochissimi giocatori e io ho detto loro che se avessero seguito le mie richieste e se avessimo creduto nelle nostre possibilità, avremmo ottenuto un successo importante. Qualcuno si mise a ridere, ma adesso ci viene dietro ed esulta con noi. Tutto questo è stato il frutto del lavoro, il mio, quello di Tramezzani, Bogdani e tutti gli altri che lavorano con me e hanno contribuito a far raggiungere all’Albania il suo sogno. È la più grande soddisfazione della mia carriera, abbiamo fatto felici tutti gli albanesi, quelli che vivono in patria e i tanti sparsi all’estero. Ci ha spinto un popolo intero”

Germania e Polonia avanti – Oltre all’Albania, anche la Germania Campione del Mondo ha conquistato il suo pan per Euro 2016 dopo aver battuto 2-1 a Lipsia la Georgia con le reti di Muller e Kruse. La nazionale di Loew è apparsa ancora non in grande forma e ora si chiede al c.t. di invertire la rotta prima delizio della fase finale dell’europeo. Vola in Francia anche la Polonia trascinata da un Robert Lewandwoski da record che grazie alla rete di ieri contro l’Irlanda ha raggiunto quota 13 reti eguagliando il record del nord irlandese Haley del 2008. Per lui è la rete n°15 in 22 partite stagionali, un inizio da brividi per il centravanti del Bayern Monaco.

Si qualifia anche la Romania (3-0 sulle Far Per) mentre l’Irlanda è la prima squadra ai playoff. Stessa sorte potrebbe toccare all’Ungheria che attende i risultati di Slovacchia e Ucraina.

 

Risultati e marcatori dell’ultimo turno di qualificazioni – 

GERMANIA-GEORGIA 2-1 [49′ Muller rig. (Ger), 53′ Kankava (Geo), 79′ Kruse (Ger)]

GIBILTERRA-SCOZIA 0-6 [25′ Martin, 39′ Maloney, 52′ Fletcher, 56′ Fletcher, 85′ Fletcher, 91′ Naismith]

POLONIA-IRLANDA 2-1 [13′ Krychowiak (P), 16′ Walters rig. (I), 42′ Lewandowski (P)]

FAR OER-ROMANIA 0-3 [4′ Budescu, 46′ Budescu, 83′ Maxim]

FINLANDIA-IRLANDA DEL NORD 1-1 [31′ Cathcart (I), 87′ Arajuuri (F)]

GRECIA-UNGHERIA 4-3 [5′ Stafylidis (G), 26′ Lovrencsics (U), 54′ Nemeth (U), 57′ Tachtsidis (G), 76′ Nemeth (U), 79′ Mitroglou (G), 86′ Kone (G)

ARMENIA-ALBANIA 0-3 [9′ Hovhannisyan aut., 23′ Xhimshiti, 76′ Sadiku]

SERBIA-PORTOGALLO 1-2 [5′ Nani (P), 65′ Tosic (S), 78′ Moutinho (P)]

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS