Notte magica per il ritorno di Tevez al Boca: “Il giorno più felice della mia vita” [VIDEO]

164
0
CONDIVIDI
Tevez

Carlos Tevez è stato presentato come un re per il suo ritorno al Boca Juniors in una Bombonera strapiena come per una finale Libertadores.

L’ex attaccante della Juventus è apparso felice e soddisfatto per il suo ritorno e per aver firmato il contratto con il Boca fino al 2018: “Il giorno più felice della mia vita. Non c’è un altro giorno come questo nella mia carriera, perché sono di nuovo davanti alla mia gente e perché non devo parlare nè in inglese nè in italiano”.

Maradona

Proposta Atletico – Tevez ha confermato anche la trattativa con l’Atletico Madrid dell’amico Simeone: “Da un anno avevo questa idea in mente, mi mancava tutto. La possibilità dell’Atletico di Madrid era vera, e voglio ringraziare il Cholo Simeone, perché mi ha chiamato e mi ha mostrato il suo interesse per portarmi con lui, ma io avevo un sogno che era tornare al Boca. Mi svegliavo e andavo a letto pensando al giorno in cui sarei tornato qui. All’estero uno va da solo, la famiglia che ti accompagna allo stadio non c’è più, ma il popolo è sempre con te, i titoli che vincevo erano sempre dedicati a loro”. 

Ringraziamento anche per l’amico Diego Armando Maradona, presente alla Bombonera come per il ritorno di un figlio: “Diego è un grande. L’ultima volta che ho parlato con lui purtroppo è stato dopo la morte di suo papà. Sono contento che sia qui con tutti i tifosi. Con questo freddo, tutta questa gente che è venuta qui… io sarei rimasto a casa, col riscaldamento, e loro sono qui. Questo club è veramente casa mia, perché qui, a 13 anni, mi baciavano e mi abbracciavano tutti gli impiegati, quando non ero nessuno. E adesso sono ancora gli stessi, e io li saluto come meritano, dal primo all’ultimo”.

Ricordo per l’Italia – Impossibile non ricordare la sua parentesi italiana, breve ma piena di vittorie e soddisfazioni: “In Italia negli ultimi 2 anni sono cresciuto moltissimo, non solo come giocatore, ma anche dal punto di vista di punto di riferimento in uno spogliatoio. Torno nel momento migliore della mia carriera, davvero mi sento così. Meno male che non sono tornato a 26 o 27 anni, perché ero grasso e non al massimo, lo sanno tutti”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS