Apple e la sua corsa per raggiungere Samsung

914
0
CONDIVIDI
Apple

Il mercato smartphone è sempre in continua crescita e soprattutto sempre attivo nell’innovazione. In meno di 10 anni gli smartphone hanno avuto un successo enorme, che di anno in anno diventa sempre più tangibile. Dal 2011, il mercato dei dispositivi mobili in questione, è stato completamente preso in mano da Samsung, che dal terzo trimestre di quell’anno è il primo produttore di smartphone del mondo. 

Sicuramente, le famiglie dei Galaxy S e dei Galaxy Note hanno riscosso un successo planetario, diventando i devices più venduti, permettendo quindi a Samsung di guadagnare sempre più margine e distacco dalle altre società. Naturalmente, oltre ai due smartphone Android top di gamma, tutte le famiglie minori e di fascia medio-bassa hanno fatto la loro parte, essendo spesso la soluzione migliore per i meno dispendiosi. Samsung ha in pratica preso in mano, nel giro di pochi anni, lo scettro del potere, diventando sia la principale produttrice di smartphone sia la casa produttrice più importante per Android, che è riuscito proprio grazie all’azienda coreana ad accaparrarsi una fetta molto importante sul mercato.

Quest’ascesa al potere di Samsung ha rilegato la storica società di Cupertino, Apple, al secondo posto. Vuoi per i prezzi, vuoi per le disponibilità, vuoi per il sistema operativo, gli iPhone della mela, i primi smartphone, sono stati messi in secondo piano. Come detto, gli utenti si sono spesso visti intimoriti dai prezzi di un melafonino, ma anche della “chiusura” (ognuno poi la vede come crede) dell’ecosistema di Apple.

Apple Store, El Paseo, Palm Desert, California

Però questo divario tra Samsung ed Apple si sta pian piano assottigliando. Apple, che dal 2011 rincorre il concorrente, sembra che lo stia per raggiungere. Secondo le ultime analisi condotte da Canalys, Samsung perde sempre più vendite di anno in anno, con una quota di mercato che nell’ultimo periodo è scesa dal 34% al 25%, raggiungendo la cifra di 78 milioni di smartphone spediti. Nel contempo (stiamo parlando dell’ultimo trimestre del 2014) Apple ha sfoderato i suoi nuovi iPhone 6 ed iPhone 6 Plus che per molti sono stati simbolo di apertura, facendo lievitare le vendite e le spedizioni, grazie soprattutto ai display da 4,7 e 5,5 pollici.

Proprio ieri sera, Apple ha comunicato con la sua periodica conference call i risultati finanziari del Q1 2015, annunciando lo straordinario numero di 74,4 milioni di iPhone spediti. Si tratta di un numero che combacia con le aspettative degli analisti  e che potrebbe realmente segnare la “rivincita” della società verso Samsung. Se la tendenza è questa, infatti, molto presto potrebbe essere Samsung a rimanere indietro. Non bisogna però mettere le mani sul fuoco, perché proprio da parte di quest’ultima è atteso l’annuncio del nuovo Galaxy S6 nei prossimo mesi, il quale potrebbe ribaltare ancora la situazione. Ci aspettiamo quindi, ulteriori sviluppi.

photo credits: 

via: HDBlog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS