Sony vuole produrre uno smartwatch in e-paper

882
0
CONDIVIDI

Il mercato degli smartwatch è entrato nel vivo. La presentazione del nuovo Apple Watch ha dato il via alle danze, costringendo le società a mettere sul mercato i loro dispositivi intelligenti da polso prima dell’arrivo di questo nuovo dispositivo Apple oppure a pensare eventuali contromosse da attuare per evitare la stessa situazione verificatasi con smartphone e tablet.

Sony è una di quelle società che piano piano sta studiando nuove soluzioni che possano rendere il suo nuovo indossabile migliore di Apple Watch e degli altri presenti sul mercato. Secondo un nuovo report di Bloomberg, starebbero lavorando su uno smartwatch con display e-paper. Utilizzando questa tipologia di display andrebbero a garantire un’autonomia fuori dal comune ma ciò che sorprende non è questo.

Vogliono realizzare anche l’intera struttura in e-paper, come il cinturino. Così facendo potranno garantire al consumatore massima possibilità di personalizzazione. Apple ha studiato il suo smartwatch creando una struttura che permettesse all’utente di cambiare cinturino quando e come vuole. Con una corpo quasi interamente in e-paper l’utente che sceglierà di acquistare questo smartwatch Sony potrà cambiare aspetto al suo orologio senza spendere ulteriori soldi.

Bisogna dire però che i display e-paper a colori sono assai costosi. Si tratta di un aspetto fondamentale che a portato un altro colosso come Samsung ad abbandonare l’idea di utilizzarli sui proprio dispositivi. Una piccola realtà come Pebble è riuscita però a mettere sul mercato uno smartwatch dotato di display e-paper registrando un discreto successo. Non si tratta quindi di un ostacolo così insormontabile.

pebble

Bisognerà capire se le limitazioni software dello smartwatch di Pebble si rifletteranno anche su questo probabile wearable di Sony. Secondo le fonti che ci hanno anticipato l’arrivo di questo dispositivo, il colosso giapponese potrebbe metterlo in vendita entro il 2015.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS