LinkNYC: nuova vita ai telefoni pubblici di New York

677
0
CONDIVIDI

La telefonia mobile ha ormai preso il sopravvento sulla telefonia pubblica: nei grandi centri urbani la presenza di cabine telefoniche e telefoni pubblici è pressoché nulla, e quelle rare eccezioni vengono utilizzate dai cittadini sempre meno frequentemente. Per questo motivo, la città di New York ha pensato bene di dare nuova vita ai telefoni pubblici, riportandoli al passo coi tempi, grazie ad un nuovo e ambizioso progetto denominato LinkNYC.

LinkNYC (c)

Tale progetto, del cui sviluppo se ne occuperà CityBridge, un consorzio composto da diverse aziende tra cui Qualcomm, società leader nel campo delle telecomunicazioni senza fili, e Titan, gestore della più grande rete di telefoni a pagamento della città, a partire dalla fine del 2015 inizierà a sostituire i vari telefoni pubblici sparsi nei cinque distretti della Grande Mela con 10.000 Link,  eleganti totem multifunzione che, grazie al WiFi integrato, garantiranno entro un raggio di circa 45 metri l’accesso ad internet illimitato e gratuito fino 1 Gbit/s, una velocità 100 volte superiore rispetto a quella in media fornita dal WiFi degli attuali hotspot pubblici e di 20 volte superiore a quella delle connessioni domestiche.

LinkNYC (d)

Sostituendo gli attuali telefoni pubblici, i Link saranno ovviamente in grado di effettuare chiamate telefoniche, che però, nel caso di chiamate nazionali saranno completamente gratuite. Questi “totem” garantiranno inoltre un rapido accesso ai numeri di emergenza grazie ad un apposito tasto, permetteranno la ricarica di dispositivi mobili tramite un ingresso USB e metteranno a disposizione degli utenti un display touchscreen, powered by Google, che permetterà di ottenere indicazioni stradali e un rapido accesso ai servizi della città.

LinkNYC_(b)

 

Il costo di tale progetto, 200 milioni di dollari, sarà ricavato interamente dalla pubblicità che verrà visualizzata sui display laterali di cui i Link saranno forniti: stando ad una prima stima, tale progetto, oltre a creare quasi 1000 nuovi posti di lavoro, permetterà un guadagno di oltre 500 milioni di dollari distribuito nei prossimi 12 anni.

Che ne pensate? Quante possibilità ci sono di vedere un progetto simile nel nostro paese? Fatecelo sapere nei commenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS