Apple: nuovi problemi agli iPhone 6 e 6 Plus da 64 e 128 GB

1450
0
CONDIVIDI

Come vi avevamo già detto in un nostro precedente articolo molti utenti si sono lamentati dei continui problemi riscontrati su iPhone 6 e iPhone 6 Plus da 128 GB, i quali si bloccano e si riavviano troppo spesso. BusinessKorea sostiene che la responsabilità di questi continui riavvii possa essere attribuita alle nuove memorie TLC (triple-level cell) NAND Flash, sicuramente più perforamenti delle precedenti memorie MLC NAND Flash, ma che stanno danno non poche gatte da pelare agli ingegneri di Cupertino.

Stando a quanto riferito dalle fonti, Apple perfettamente cosciente del problema, avrebbe deciso di reintrodurre le vecchie memorie MLC NAND ed eliminare le TLC, con evidenti difetti di fabbricazione, per risolvere questi fastidiosi blocchi degli iPhone 6 e 6 Plus da 64 e 128 GB. Inoltre BusinessKorea riferisce che dietro a tutto questo, ci sarebbe Anobit, l’azienda acquisita da Apple nel 2011, che si è occupata della fabbricazione delle schede di memoria.

“TLC NAND Flash è un tipo di memoria a stato solido NAND che memorizza tre bit di dati per cella. Con essa è possibile memorizzare tre volte più dati di quanto si possa fare con le SLC (single-level cell) che memorizza un solo bit di dati, ed è 1,5 volte più rapida rispetto alla MLC (multi-level cell), che memorizza solo due bit per cella. TLC Flash è sicuramente il sistema più conveniente, anche se risulta essere più lento di SLC o MLC nei dati di lettura e scrittura.”

In questi giorni la compagnia di Cupertino ha anche rilasciato la sua prima beta di iOS 8.1.1 agli sviluppatori, sperando di riuscire a risolvere il problema tramite aggiornamento software. Tuttavia, Apple non è sicura di avere successo attraverso questa via. Se avete riscontrato anche voi questi problemi, vi invitiamo a recarvi all’Apple Store più vicino per una sostituzione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS