Steve Jobs: Sports Illustrated per iPad? Una cosa stupida

620
0
CONDIVIDI

La versione digitale della nota rivista Sports Illustrated è una cosa stupida, questa è la notizia riportata senza troppi giri di parole dal New York Times. Autore di questa frase? Una persona davvero di spicco: Steve Jobs che dichiarandolo ne era fermamente convinto. Ma facciamo un passo indietro, la versione digitale di Sports Illustrated, è stata mostrata in anteprima a Steve nel 2010, perché in quel periodo il Time stava raccogliendo varie valutazioni su quello che per la testata era considerato un progetto innovativo. L’opinione non era stata chiesta casualmente al fondatore di Apple,  la casa editrice riteneva la sua idea molto importante considerando anche la recente presentazione dell’innovativo iPad.

La versione digitale di Sports Illustrated però era già stata annunciata mesi prima della vendita del nuovo iPad e per questa ragione Steve Jobs, con il suo modo diretto di dire le cose, giudico negativamente il progetto dichiarando ai dirigenti del Time che era una stupida idea, davvero stupida. Il motivo di questo? Jobs era contrariato perchè la versione digitale di Sport Illustrated avrebbe indirettamente anticipato una delle idee base su cui è stato sviluppato il tablet Apple, a completare il giudizio negativo la testata aveva realizzato un video pubblicato su YouTube che ha ottenuto più un milione di visualizzazioni.

Al di la di tutto questo non ci sono stati poi intoppi, Sports Illustrated e tutte le edizioni di Time sono state poi create per iPad. Una cosa non è andata a buon fine pero, il progetto o meglio l’idea di Steve Jobs: dare una svolta al mondo dell’editoria con il suo iPad. I motivi? Possono essere molti e sicuramente diversi tra loro, una cosa è sicura: la carta stampata vince ancora sulla versione digitale senza il minimo dubbio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS