Il Carico Cardiaco come Parametro Allenante

1039
0
CONDIVIDI
Parametro Allenante

La continua espansione del settore fitness cardio metabolico, proposto come forma di esercizio per tutte le età, porta il trainer all’individualizzazione del programma di allenamento determinando, per ogni individuo, il corretto Carico Allenante (CA).

Il CA è determinato da carichi fisici esterni misurabili e carichi fisici interni, intesi come riposte fisiologiche alle sollecitazioni esterne.  In questi anni, in cui mi sono specializzato nel settore del Fitness Cardio Metabolico, ho impostato il mio lavoro partendo sempre da una attenta anamnesi metabolica e motoria fondamentale per avere una prima frequenza cardiaca (FC) prudenziale di lavoro ed una base muscolare e di mobilità da cui partire. Individuare gradualmente quale realmente fosse la FC di lavoro ed il giusto CA è risultato per me fondamentale nel proporre ogni forma di attività alle persone in modo che potessero allenarsi gradualmente, progressivamente ed in totale sicurezza. Lo scopo è quello di monitorare la FC in soggetti praticanti fitness in modo da valutare, in varie tipologie di attività, l’andamento di questo parametro durante l’allenamento, valutandone il carico cardiaco (CC) per attività.

exerceo-allenamento-frequenza-cardiaca

Ho ritenuto così molto valido far eseguire inizialmente un “fix” di attivazione cardiovascolare su bike o su tapis roulant (in base alle capacità iniziali del soggetto) dove, mantenendo una FC costante precedentemente stabilita attraverso anamnesi, viene richiesto di pedalare o camminare per 6 minuti valutando così al termine i metri percorsi, la velocità media, le variazioni di FC e la potenza espressa. Successivamente, sempre in relazione alle caratteristiche della persona, si passa ad eseguire il 2 Km Walking Test, una valutazione dove è richiesto di camminare su terreno pianeggiante per 2 Km senza eccedere la FC stabilita precedentemente. Queste due valutazioni consentono di impostare il giusto Carico Cardiaco Allenante (CCA) del proprio programma di attività motoria e di valutarne nei mesi gli adattamenti e le variazioni indotte dall’allenamento. E’ quindi fondamentale che le valutazioni siano sicure, attendibili e ripetibili nel tempo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS