Bayern – Borussia: è guerra aperta!

70
0
CONDIVIDI

 

 

Che i rapporti tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund fossero tesi era chiaro già da tempo: la rivalità tra le due società si è acuita in maniera esponenziale negli ultimi anni, da quando i gialloneri sono tornati alla ribalta dopo un decennio di anonimato. Le sfide sul campo, culminate con la finale di Champions di due anni fa vinta dai bavaresi a Wembley, sono però solo una parte delle diatribe che fanno così spesso litigare le società: ad incrementare il tutto ci si è messa la volontà dei pluricampioni di Germania di accaparrarsi le stelle sbocciate con la squadra di Klopp; prima Götze, strappato con il pagamento della clausola rescissoria, poi Lewandowski, arrivato quest’anno a parametro zero dopo che il Borussia aveva tentato invano di prolungargli il contratto.

Ora sembrerebbe la volta di Reus, talentuoso trequartista che il Borussia aveva acquistato dal Mönchengladbach, scippandolo proprio al Bayern; il giocatore è uno dei punti di forza dei vice campioni di Germania, e nonostante piaccia a tante big europee, ha sempre dichiarato, anche recentemente, di essere felice di giocare con la maglia della squadra della Ruhr, con la quale è legato fino al 2017. L’interesse del Bayern è relativamente recente, ma i bavaresi vogliono fortemente il giocatore, che rappresenta il vero rinforzo chiesto da Guardiola per il reparto offensivo.

La scintilla è scattata pochi giorni fa quando Rummenigge, ex stella e ora dirigente del Bayern, si è lasciato andare sulla possibilità che Reus arrivi alla corte di Guardiola la prossima estate dietro il pagamento della clausola rescissoria, apparentemente fissata a 25 milioni; una mossa non certo felice quella dell’ex giocatore dell’Inter, che ha di fatto sovrastato la dirigenza del Dortmund, oltre a decantare implicitamente l’immenso potere della società di Monaco, che non avrebbe alcun problema nello sborsare una tale cifra.

La risposta dalla sponda opposta non si è fatta attendere: prima è stato l’amministratore delegato Watzke a reagire alle dichiarazioni del “collega”, commentando con un certo fastidio l’intromissione dei bavaresi negli affari interni al Borussia, e ribadendo come i contratti dei giocatori siano di competenza della società, che non intende divulgare notizie di tale importanza, non specificando il valore della tanto citata clausola, che pare si attesti sui 35 milioni.

Oggi è arrivata invece la piccata risposta di Micheal Zorc, direttore sportivo dei gialloneri; l’ex bandiera del Dortmund ha rilasciato una brevissima dichiarazione, anche se estremamente significativa:

Sarebbe bello che per una volta Rummenigge riuscisse a tenere la bocca chiusa; purtroppo questa è una qualità che a lui manca.

Insomma, se prima si trattava solo di schermaglie, le ultime dichiarazioni hanno di fatto aperto le ostilità, e tra le due società ora è guerra aperta, e la situazione, a una settimana esatta dalla prima sfida in Supercoppa tra le due potenze del calcio tedesco, appare ormai insanabile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS