G-SHOCK GBA 400: Casio le suona ad iPhone e Android

1565
0
CONDIVIDI

Casio presenta un nuovo G-SHOCK. Interessanti caratteristiche lo fanno assomigliare ad uno smartwatch. Se già in passato, nei segnatempo multifunzione del Sol Levante, sono stati implementati collegamenti bluetooth verso dispositivi Android ed Apple, a partire dal prossimo 19 settembre, data di lancio, nel nuovo G-SHOCK GBA 400 sarà integrata una funzione di ricerca on-line di musica e brani.

Features sempre più smart nel solido corpo di questo classico pensato per le sfide estreme. Casio collabora con SoundHound per migliorare l’esperienza d’uso dei propri orologi. Il collegamento bluetooth a smartphone Android ed iPhone di G-SHOCK GBA 400 permette ad una applicazione di trasformarne il display in un terminale di gestione della vostra playlist. Tramite le apps G’Mix e G-Shock+ l’orologio è in grado di registrare la musica che state ascoltando, inviarla a SoundHound app (che effettuerà la ricerca on-line) sul vostro smartphone e ricevere e mostrare i dettagli del brano sul display LCD posto sotto le lancette.

Il controller musicale viene attivato dalla corona e dai tasti adiacenti. Girando la rotella e premendo i pulsanti, sarete in grado di attivare la ricerca di un brano senza perdere tempo ad avviare applicazioni smartphone, col rischio (ricorrente) che il brano finisca prima che siate pronti a cercarlo. Far scorrere e gestire i file musicali presenti sul vostro smartphone sarà possibile come già nei precedenti modelli di Casio G-SHOCK.

Resistenza a 20 ATM di profondità, agli urti, controllo ora per 100 città del mondo e batteria che assicura una durata di 2 anni (ad un utilizzo di 2 ore al giorno delle funzioni) completano il quadro specifiche di questo nuovo G-SHOCK GBA 400. Disponibile inizialmente in Giappone, uscirà ad un prezzo di 23.000 yen (225$). Casio ci aveva già abituati ad orologi dall’aspetto rugged ed il cuore smart, ma questo nuovo G-SHOCK è letteralmente tutta un’altra musica!

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS