Perchè il cappellaio di Alice era matto?

241
0
CONDIVIDI

Come dimenticare il simpatico cappellaio del romanzo di Lewis Carroll  Alice nel Paese delle Meraviglie (1865), reso celebre anche dall’omonimo lungometraggio della Disney (1951)? Tutti noi  ricordiamo che questo personaggio era un po’ pazzerello, tanto da far indispettire la paziente Alice durante il famoso Tea Party. Ma perchè il cappellaio era matto?

Per conoscere la risposta dobbiamo tornare indietro nel tempo fino all’Ottocento, periodo durante il quale in Inghilterra i produttori di cappelli utilizzavano grandi quantità di mercurio per lavorare il feltro con cui avrebbero poi realizzato i loro copricapo.  Il mercurio è una sostanza fortemente tossica, i cui effetti devastanti sul sistema nervoso sono noti fin dai tempi degli Antichi Romani.

Nel XIX secolo i disturbi mentali dovuti al mercurio si diffusero in maniera capillare tra i cappellai inglesi tanto da ispirare Lewis Carroll nella creazione del suo noto personaggio.

fonte | Wikipedia

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS