Apple si accorda con IBM e manda ancora più in crisi BlackBerry

1114
1
CONDIVIDI

Per anni il settore business è stato il punto di forza di BlackBerry, società ora in profonda crisi. Il colpo di grazia all’ex colosso canadese lo potrebbe aver inflitto Apple, che nella serata di ieri ha annunciato un importante accordo con IBM per l’arrivo di nuove soluzioni enterprise. Di seguito trovate il comunicato stampa ufficiale relativo a tale nuovo accordo:

Apple e IBM (NYSE: IBM) hanno annunciato oggi una partnership esclusiva che combina i rispettivi punti di forza all’avanguardia nel mercato per trasformare l’enterprise mobility attraverso una nuova classe di app aziendali: le eccellenti capacità di Analytics e Big Data di IBM approderanno sull’iPhone e sull’iPad.

  • Questa storica partnership mira a ridefinire le modalità di lavoro, affrontare le principali sfide del settore mobile e dare il via a una vera e propria rivoluzione dell’enterprise guidata dal mobile, basandosi su quattro capacità chiave:
  • Una nuova classe di oltre 100 soluzioni business specifiche per settore, incluse app native e appositamente sviluppate per l’iPhone e l’iPad;
  • Esclusivi servizi cloud IBM ottimizzati per iOS, inclusi gestione dei dispositivi, sicurezza, analisi e integrazione mobile;
  • Una nuova offerta di assistenza e supporto AppleCare su misura per le esigenze dei clienti business;Nuove offerte bundle di IBM per attivazione, fornitura e gestione dei dispositivi.

Le nuove soluzioni IBM MobileFirst per iOS verranno create da una collaborazione esclusiva mirata a cogliere i punti di forza distintivi di ciascuna azienda: le eccellenti capacità in ambito Analytics e Big data di IBM, supportate da oltre 100.000 consulenti di settore e dominio e sviluppatori software, si uniranno alla straordinaria esperienza utente, alla perfetta integrazione fra hardware e software e alla strepitosa piattaforma di sviluppo offerte da Apple. Da questa combinazione nasceranno app capaci di trasformare il modo in cui aziende e dipendenti lavorano con l’iPhone e l’iPad, permettendo così alle imprese di raggiungere nuovi livelli di efficienza, efficacia e soddisfazione dei clienti, più velocemente e facilmente che mai.

Nell’ambito dell’esclusivo accordo IBM MobileFirst per iOS, IBM venderà inoltre dispositivi iPhone e iPad con le soluzioni specifiche per settore ai propri clienti business nel mondo.

“iPhone e iPad sono i migliori dispositivi mobili al mondo e hanno trasformato il modo in cui le persone lavorano con oltre il 98% delle aziende Fortune 500 e oltre il 92% delle aziende Global 500 che usano i dispositivi iOS,” ha dichiarato Tim Cook, CEO di Apple. “Per la prima volta in assoluto, i nostri clienti iOS potranno contare sulle note Big data analytics di IBM e averle sempre a portata di tap. Per Apple, si tratta di un’eccellente opportunità di mercato. Per il mondo enterprise, è un passo radicale e qualcosa che solo Apple e IBM possono offrire.”

“La Mobility, insieme ai fenomeni dei dati e del cloud, sta trasformando il mondo del business e il nostro intero settore in maniera netta e sostanziale: permettono agli utenti di reimmaginare il lavoro, i settori e le professioni,” ha affermato Ginni Rometty, Chairman, President e CEO di IBM. “Questa alleanza con Apple sfrutterà quest’onda positiva e porterà ulteriori innovazioni ai nostri clienti in tutto il mondo, sfruttando la leadership di IBM in settori quali analytics, cloud, software e servizi. Siamo felici di collaborare con Apple, le cui innovazioni hanno rivoluzionato le nostre vite in modi che ora diamo per scontati, ma di cui non potremmo più fare a meno. La nostra alleanza darà vita a quello stesso tipo di rivoluzione nel modo in cui le persone lavorano, i settori operano e le aziende agiscono.”

Ad ispirare questa partnership tra Apple e IBM è stata una vision condivisa: il desiderio di offrire ai professionisti delle aziende in ogni parte del mondo le capacità uniche dell’iPad e dell’iPhone unite a strumenti capaci di sfruttare know-how, dati, analisi e flussi di lavoro di un’azienda. Nello specifico, le due aziende stanno collaborando per offrire i seguenti elementi essenziali delle soluzioni per l’enterprise mobility.

– Soluzioni mobili capaci di trasformare il business: le aziende collaboreranno alla realizzazione di soluzioni IBM MobileFirst per iOS, una nuova classe di “app create per il business”, rivolte a problematiche e opportunità specifiche per settore, in ambiti quali retail, salute, banking, viaggi e trasporti, telecomunicazioni e assicurazioni, per citarne alcuni; saranno disponibili a partire da questo autunno, con ulteriori aggiunte nel 2015.

– Piattaforma mobile: la IBM MobileFirst Platform per iOS fornirà i servizi necessari per l’operatività aziendale end-to-end, dall’analisi ai flussi di lavoro, passando per archiviazione cloud, gestione su larga scala dei dispositivi, sicurezza e integrazione. Questa gestione mobile ottimizzata include un catalogo privato di app, servizi per la sicurezza dei dati e delle transazioni, e una suite per la produttività per tutte le soluzioni IBM MobileFirst per iOS. In aggiunta alle soluzioni software on-premise, tutti questi servizi saranno disponibili su Bluemix, la piattaforma di sviluppo IBM su IBM Cloud Marketplace.

– Assistenza e supporto mobile: il programma AppleCare rivolto alle aziende offrirà ai reparti IT e agli utenti finali un’assistenza 24/7, gestita dall’eccellente gruppo di supporto clienti Apple, con un servizio on-site fornito da IBM.

– Offerte di servizi pacchettizzate: IBM sta introducendo IBM MobileFirst Supply and Management per i servizi di fornitura, attivazione e gestione dei dispositivi iPhone e iPad, con opzioni di leasing.

Presentato in occasione della Worldwide Developer Conference di Apple a giugno e disponibile entro la fine dell’anno, iOS 8 è la release più importante dal lancio dell’App Store: dà agli utenti nuove funzioni incredibili e agli sviluppatori gli strumenti per creare nuove, fantastiche app. Per i clienti business, iOS 8 integra il nuovo modello IT per la forza lavoro mobile, migliorando il modo in cui gli utenti vengono informati di come i loro dispositivi sono configurati, gestiti o limitati, con funzioni evolute per sicurezza, gestione e produttività.

Tim Cook IBM

Inoltre, proprio nelle ultime ore, Tim Cook ha anche inviato una mail ai propri dipendenti per annunciare la novità e comunicare le prospettive future:

“Team,
oggi abbiamo annunciato una nuova partnership con IBM che permetterà alle aziende di mettere le potenzialità delle grandi analisi dei dati a portata di mano dei propri dipendenti, direttamente su un dispositivo iOS. Questa partnership esclusiva riunisce la facilità di utilizzo dei dispositivi propria di Apple con la grande esperienza di IBM nell’industria tecnologica, nel software enterprise e nella gestione di grandi mole di dati.

Questo accordo di basa anche sull’incredibile slancio di Apple nel campo aziendale. iPhone e iPad sono usati dal 98% delle aziende presenti nella Top 500 di Fortune. La gente ama utilizzare i dispositivi iOS e Apple sa di cosa hanno bisogno le imprese: sicurezza e implementazione scalabile con una potente piattaforma di applicazioni. Con questuo annuncio, uniamo le nostre forze a quelle di IMB, per offrire nuove funzioni alle aziende e per aprire una grande opportunità di mercato per Apple. Questo è un passo rivoluzionario nel mondo delle imprese, qualcosa che solo Apple e IBM sono in grado di offrire.

IBM è nota per la sua assistenza ai clienti che hanno bisogno di gestire grosse mole di dati e di avere a portata di mano tutti i tool per la gestione di un’azienda. Con oltre 100.00 consulenti e professionisti, hanno una portata di caratura globale. Questa partnership unisce il meglio delle due società. E’ una grande notizia per Apple, IBM e per i clienti enterprise di tutto il mondo, e sono davvero entusiasta di veder decollare questo accordo.

Tim”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • raffaele

    Bhe sinceramente se avrei un azienda punterei più sui surface.