Ancora valanghe di soldi per Beats

622
0
CONDIVIDI

Dopo aver chiuso un accordo miliardario con Apple, gli uomini che lavorano dietro Beats si preparano ad intascare altri soldi. La società che produce cuffie e altro materiale legato all’audio avrebbe presentato una causa contro diversi contraffattori cinesi chiedendo miliardi di dollari di danni. L’accusa sostiene che un certo numero contraffattori cinesi avrebbero messo in vendita prodotti molto simili a quelli venduti dalla società ora di proprietà di Apple.

Ovviamente i prodotti in questione sono falsi, quindi non presentano lo stesso livello qualitativo di quelli originali prodotti dalla società americana. I danni ammonterebbero a circa 135 miliardi di dollari ogni anno, una cifra spaventosa.

Nel 2013 ci fu un qualcosa di simile, sempre con protagonista Beats. All’epoca però ci fu soltanto il sequestro di 50 conti PayPal e di 1.427 domini, quindi nessun risarcimento economico per Beats.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS