Francoforte, Schaaf: “Siamo pronti per una grande stagione”

62
0
CONDIVIDI

 

 

Attraverso una lunga intervista concessa al sito ufficiale della Bundesliga, Thomas Schaaf ha inaugurato il suo ritorno in panchina, dopo aver trascorso un anno di riposo a seguito della lunghissima esperienza al Werder Brema, squadra nella quale ha passato ben 39 anni, di cui 14 da allenatore; il neo tecnico dell’Eintracht Francoforte ha parlato a 360°, toccando tantissimi argomenti.

Riguardo al suo “anno sabbatico”, nessun rimpianto:

La separazione non è stata così drammatica, dopo che ho lasciato Brema sono iniziate subito le vacanze e mi sono dedicato ad altro; quest’anno ho pensato al calcio ma senza pressioni, soprattutto guardando le partite di Champions League in compagnia; tuttavia, dopo qualche mese, l’appetito è tornato, e ho deciso di rimettermi in gioco”.

A sceglierlo, anche per rilanciarsi dopo un campionato non entusiasmante, è stato l’Eintracht Francoforte, squadra molto blasonata ma che manca dai migliori palcoscenici ormai da decenni; l’allenatore conferma però come non ci siano stati dubbi sulla scelta:

La decisione è stata presa in un secondo; è stato un piacere incontrare persone come Heribert Bruchlagen e Bruno Hubner; mi hanno convinto che Francoforte sia la piazza giusta per me; inoltre la possibilità di portare con me i miei vecchi collaboratori a Brema mi ha spinto verso il si, perché in un ambiente nuovo per me è importante ripartire da alcune certezze, e loro lo sono.

La squadra che fino a giugno è stata di Armin Veh, ora passato allo Stoccarda, ha subito molti cambiamenti in questa prima fase di mercato, ma Schaaf non sembra preoccupato da queste partenze, dove spicca quella del bomber della passata stagione Joselu:

Sono sicuro che vivremo questi cambiamenti in armonia, e sarà importante creare al più presto un gruppo solido e unito, per essere competitivi dalla prima giornata. La società è molto competitiva e ha grandi ambizioni, come è giusto che sia per le squadre delle grandi metropoli; sono convinto che prima riusciremo ad amalgamare il gruppo, prima cominceremo a far divertire anche i nostri tifosi, che ho già visto essere molto appassionati.

Sulla carta per la squadra della Germania sud occidentale sarà un’altra stagione difficile, ma il neo allenatore non ha paura delle sfide, e spiega come raggiungere gli obiettivi:

Sarà difficile, ma dobbiamo lottare per conquistare al più presto i punti per la salvezza, poi si vedrà; abbiamo deciso di puntare molto sui giovani, e molti di loro saranno in ritiro con noi fin dai primi allenamenti; la nostra filosofia sarà quella di attaccare e divertire, ma ovviamente dovremo partire anche da una solida base difensiva.

Infine, stuzzicato sulla Coppa del Mondo che vedrà la Germania impegnata oggi nella semifinale, Schaaf ha sottolineato la bellezza delle partite disputate in Brasile:

È incredibile la qualità delle partite che ho visto; tutte le squadre hanno messo in campo un’energia e una volontà invisibile. Se devo dire chi mi ha deluso non ho dubbi nel scegliere Spagna e Italia, mentre mi hanno sorpreso in positivo Svizzera e Cile; quanto alla Germania, l’ex Werder è ottimista: Löw ha fatto molto bene, ed ha ragione quando mette sul piatto i risultati della squadra a chi contesta il gioco: quattro semifinali consecutive sono un risultato incredibile, e non vedo l’ora che arrivi la grande sfida contro il Brasile.

Ottimista sulla Germania ma anche sul suo Eintracht, Thomas Schaaf non si smentisce e, a poco più di un mese dall’inizio della stagione, lancia un segnale chiaro a tutte le sue avversarie: ci siamo anche noi!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS