Inbox: una nuova piattaforma Open-Source che consente di accedere ai servizi email utilizzando app di terze parti

696
0
CONDIVIDI

Inbox, sturtup fondata da ex dipendenti di Dropbox, ha annunciato l’omonima piattaforma Open-Source che permette di sviluppare applicazioni per l’accesso ai servizi email, come Microsoft Exchange, Gmail e Yahoo Mail, utilizzando una singola API. Google nella sua conferenza degli sviluppatori Google I/O all’inizio di questo mese ha annunciato le nuovi API che consentono agli sviluppatori di accedere ai messaggi, ai thread e alle etichette di Gmail, senza utilizzare IMAP. La sturtup Inbox offre simile strumenti, ma a contrario di Gmail essa è Open-Source vale a dire che supporta altri servizi email (anche aziendali).

La società è stata co-fondata da MIT Michael Grinich, in precedenza ingegnere presso Dropbox e designer Nest, e Christine Spang, un ingegnere Linux a Ksplice (acquisita da Oracle). Il team include anche diversi MIT, oltre a coloro che hanno esperienza da Google e Firebase.

In attesa di una versione hosted (SaaS), gli sviluppatori possono eseguire il motore di sincronizzazione su una macchina virtuale ed iniziare a testare le funzionalità della piattaforma, sfruttando gli SDK per iOS e JavaScript per scrivere le prime applicazioni. Inbox sostituisce tutte le feature di IMAP e SMTP, consentendo di realizzare anche un completo client per la posta elettronica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS