Google finalmente compete con Office Mobile

497
0
CONDIVIDI

Quello che è stato mostrato in questo I/O 2014 di Google ha davvero toccato diversi punti di interesse in diversi settori. L’azienda di Mountain View ha presentato oggi, tra l’altro, diverse nuove funzioni della sua suite di strumenti Office che puntano a rendere finalmente il servizio di Google una vera alternativa ai prodotti Office di Microsoft. La nuova gamma per Smartphone e Tablet Android è disponibile da oggi stesso con Slides, e vedrà la luce anche in ambiente iOS di Apple una volta ricevuta l’approvazione di App Store.

Come per Docs e Sheets, parliamo di applicazioni stand-alone (precaricate in Google Drive) e che quindi sono raggiungibili tramite connessione ad internet e non necessitano di installazione. La più grande novità, però, è che da adesso tutte le applicazioni potranno gestire file Microsoft (Word, Excel, PowerPoint) o di altri prodotti simili direttamente senza alcuna conversione e soprattutto senza dover utilizzare altre app per convertire le estensioni (come ad esempio QuickOffice sempre di proprietà Google dal 2012).

Con il rilascio di Sheets e l’integrazione di QuickOffice, la suite Google è finalmente completa e concorrenziale nel segmento mobile e non solo. La grande semplificazione apportata in questo update, nonché la razionalizzazione dei colori e degli spazi (utilizzo di icone e spazi distinti anche se in un’unica applicazione) ha portato un’ondata di novità per gli utenti finali che difficilmente verranno spiazzati dalle novità introdotte.

Ovviamente queste app stand-alone sono fruibili anche in versione Web, ciò è coerente con l’intenzione di Google: realizzare un’unica interfaccia, e quindi applicazione, per strumenti Office sia in ambienti mobili che su PC fissi. Per gli utenti che erano già vicine a Google Docs, sarà un cambiamento più che positivo, mentre per coloro che inizieranno da adesso ad utilizzarlo risulterà più semplice che in precedenza comandare una suite completa, affidabile e compatibile con ogni ambiente di lavoro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS