Muscoli e velocità, Loew lancia Kramer e Schweinsteiger

247
0
CONDIVIDI

 

Che ci fosse bisogno di un cambio di rotta, ne sono consapevoli sia il CT Loew che gli oltre 24 milioni di tedeschi che sabato sera hanno assistito in TV alla gara pareggiata contro il Ghana. Già nella pancia dello stadio di Fortaleza, Loew aveva anticipato alla stampa la possibilità di vedere una Germania molto diversa contro gli Stati Uniti. Le belle prove di Klose e Schweinsteiger sabato sera e gli infortuni (poco gravi) di Boateng e Khedira, hanno dato al CT il via libera per una Germania con più muscoli e soprattutto velocità, quella mancata al cospetto di un Ghana più brillante e generoso.

Si va quindi verso le esclusioni eccellenti di Oezil e Mario Goetze, non tra i peggiori sabato scorso ma bisognosi di tirare il fiato in vista, si spera, degli ottavi di finale. Anche il madridista Khedira dovrebbe restare fuori a causa di un piccolo infortunio alla coscia sinistra. Loew cerca in questo modo di porre rimedio agli errori della scorsa gara ricostruendo un centrocampo di gamba che sia capace di aiutare la difesa e di sostenere i tre attaccanti. Il modulo rimarrà il 4-2-3-1, con Neuer tra i pali, difesa con Lahm, Hummesl, Mertesacker e Howedes, linea mediana con Kramer e Schweimsteiger mentre Kroos, Podolski e Mueller aiutarenno l’unica punta Miroslav Klose. Le novità sono rappresentate dallo spostamento in difesa del capitano Lahm, che nelle due gare contro Portogallo e Ghana non ha convinto come mediano. L’infortunio accorso a Boateng, trasforma di fatto il cambio tattico in una necessità. Al suo posto tornerà Bastian Schweinsteiger, escluso a sorpresa sabato sera ma poi diventato uno dei protagonisti assoluti dopo la sua entrata in campo. Al fianco del centrocampista del Bayern ci sarà probabilmente l’esordio di Kramer, che porterà alla nazionale centimetri e soprattutto energie fresche. Tutte le volte che Loew ha chiesto aiuto al centrale del M’gladbach, Kramer non ha mai deluso le aspettative. Giusta la conferma di Kroos come trequartista e quella di Mueller sulla destra mentre in avanti ci sarà spazio per Podolski (dato in grande forma) e naturalmente per l’eroe Miroslav Klose che guiderà l’attacco alla ricerca della rete numero 16 ai Mondiali che gli consentirebbe di superare Ronaldo e scrivere il proprio nome nella storia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS