Quanto siamo esposti alle radiazioni dei cellulari?

297
0
CONDIVIDI

Uno studio sull’emissione di onde elettromagnetiche causate dai cellulari è stato presentato dall’Arpa Piemonte (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale). Il risultato è stato che l’evoluzione tecnologica sta portando ad una diminuzione dell’esposizione individuale a queste onde: una chiamata in 3G, ad esempio, produce radiazioni 100 volte inferiori ad una chiamata in 2G. Importante è anche la ricezione del segnale: se una chiamata è effettuata in una zona dove c’è “campo” le radiazioni saranno da 10 a 100 volte inferiori, rispetto ad una chiamata da una zona con bassa ricezione.

L’intensità della radiazione diminuisce anche con la distanza, per questo strumenti come il viva voce e l’auricolare sono molto importanti.

L’Arpa ha realizzato un app Android scaricabile gratuitamente per monitorare le radiazioni ed eventualmente per effettuare ulteriori analisi.

fonte | Wired

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS