La prima “intelligenza artificiale” supera il test di Turing

126
0
CONDIVIDI

Finalmente un’intelligenza artificiale è riuscita a superare il test di Turing. Il test ideato nel 1950 da Alan Turing serve a stabilire se una macchina è in grado di pensare in modo autonomo, come noi esseri umani. Fino ad oggi nessun software è stato in grado di superare la prova organizzata dalla Royal Society (la prestigiosa istituzione britannica).

La prova in questione consiste in una serie di domande che i giudici rivolgono all’umano e alla macchina senza averli davanti. Se questi giudici vengono ingannati, ovvero scambiano le risposte della macchina in risposte date dall’umano, allora il test viene superato. Il limite è pari al 30% e Eugene, la macchina in questione, ha ingannato i giudici nel 33% dei casi.

Si tratta di una vittoria veramente importante per questo programma ideato da Vladimir Veselov (USA) e Eugene Demchenko (Russia). Stando ai due ideatori, il loro Eugene non è altro che un 13enne in via di sviluppo.

fonte | Focus

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS