Xbox One senza Kinect potrebbe portare ad un incremento nella produzione dei videogiochi

583
0
CONDIVIDI

Recentemente abbiamo ricevuto la notizia del dietrofront da parte di Microsoft riguardo la possibile messa in commercio di un bundle contenente Xbox One senza Kinect nel corso del 2015. Molti di noi potrebbero pensare che ciò sia dovuto principalmente ad una necessità di rendere la nuova ammiraglia di casa Microsoft più competitiva nei confronti di Playstation 4 dal punto di vista del prezzo sul mercato. Ipotesi che potrebbe senz’altro valere, tuttavia, a quanto pare, questa non è l’unica spiegazione valida. Infatti, in una recente intervista con OXM, il capo dei Microsoft European Studios, Phil Harrison, ha dichiarato che la rimozione del Kinect potrebbe portare ad un incremento nella produzione di videogiochi per Xbox One.

Motivazione? Senza Kinect, e quindi con un prezzo di mercato più basso, più utenti sarebbero invogliati a comprare Xbox One, accrescendo l’interesse delle software house nel produrre e sviluppare un maggiore numero di titoli per la piattaforma, i quali verrebbero poi rivenduti agli stessi acquirenti della console. Si creerebbe così una sorta di circolo virtuoso che gioverebbe in primis al mercato dei videogiochi e delle console. E in effetti, nell’ultimo periodo, in seguito a questa manovra di marketing, è stato registrato un notevole incremento nella domanda per la console. Harrison, infine, conclude dicendo ai fan di non preoccuparsi per il Kinect, dato che hanno ancora in cantiere grandi piani per il device. E voi cosa ne pensate a riguardo? E’ veramente questa la motivazione? E, se sì, potrebbe veramente tutto ciò giovare al mercato videoludico? Noi ce lo auguriamo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS