Il ritorno del bug di iMessage: i messaggi finiscono nell’oblio

804
0
CONDIVIDI

Il periodo nero di Apple sembra non finire mai e alle ultime vicissitudini che hanno colpito la società americana, si aggiunge una querela da parte di un ex cliente di iPhone, che ha citato in giudizio la compagnia di Cupertino nel tribunale di San Jose. L’accusa sarebbe scaturita quando l’uomo si è accorto che tutti i messaggi, inviati da iDevice verso smartphone Android, non sono mai giunti a destinazione.

Lo sventurato è l’ex Editor-in-Chief di Lifehacker, Adam Pash, che ha giudicato il servizio di messaggistica come il purgatorio. Inoltre ha spiegato che il bug di iMessage è un problema che dura ormai da anni, e per questo ogni volta che si passa da un iPhone ad un altro smartphone Android, i server di Apple continuano a funzionare come se iMessage fosse ancora attivo.

“Di recente sono passato da un iPhone ad un dispositivo Android, e ho scoperto subito dopo che il mio numero di telefono era ancora associato con iMessage, e questo significa che ogni volta che qualcuno con un iPhone ha cercato di scrivermi, non ho ricevuto nulla, e chi mi ha scritto ha ricevuto la notifica  “Consegnato” sul loro iMessage, come se tutto funzionasse correttamente.”

Dopo di che l’uomo ha contattato l’azienda statunitense, ma questo è servito a ben poco, infatti questi hanno riferito che erano già a conoscenza del bug e che stavano lavorando per cercare di porre fine al problema. Su una pagina ufficiale di Apple viene descritto come disattivare correttamente il servizio di iMessage su iOS, prima di passare ad un altro dispositivo. Ci auguriamo che questo grattacapo possa essere risolto il prima possibile, in quanto sta infastidendo sempre più utenti.

L’unica soluzione che è stata proposta è quella di chiedere a tutti i contatti in rubrica di cancellare il numero di telefono associato all’iPhone e di sostituire la voce “iPhone” con “cellulare”, ma questo suggerimento richiederebbe molto tempo e una collaborazione tra entrambe le parti. Restiamo in attesa di vedere come si evolveranno le cose, e appena sapremo qualcosa sarete i primi ad essere informati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS