Yahoo decide di cancellare alcuni ads anti-aborto

607
0
CONDIVIDI

Yahoo ha deciso di eliminare alcuni annunci pubblicitari anti-aborto giudicati ingannevoli in quanto comparivano in relazione a ricerche sull’ interruzione della gravidanza. L’attuazione di tale misura è avvenuta in seguito alla segnalazione da parte di alcuni gruppi pro-aborto americani, Naral e UltraViolet, che hanno riscontrato come in occasione di ricerche che vedevano l’utilizzo delle keywords “abortion clinics”, gli annunci pubblicitari che comparivano rimandassero in verità a siti di gruppi o centri anti-aborto.

Le contromisure prese da Yahoo ovviamente non sono da intendersi come una presa di posizione politica o morale ma semplicemente fanno rispettare la policy applicata dal colosso americano alla sua piattaforma di advertising. Per essere giudicati leciti, gli annunci pubblicitari devono infatti essere “rilevanti” ai fini della ricerca effettuata, e quindi delle keywords utilizzate, oltre che rimandare a landing page il cui contenuto sia effettivamente attinente alla query in oggetto. Non è la prima volta che un episodio del genere sale agli onori della cronaca; nei giorni scorsi anche Google ha ritenuto di procedere con misure simili sempre in seguito alla segnalazione da parte dell’assozione Naral.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS