Videogiochi: la questione ora è la qualità grafica

743
0
CONDIVIDI

In tutte le fiere tecnologiche vi è sempre qualche fantastica presentazione di nuovi videogiochi, trailer ben fatti, grafica – in gioco e non – superba e altro: all’E3, per esempio, si vedono molto spesso trailer prerenderizzati, dalla qualità altissima ma che poco riflettono la qualità ultima del videogioco stesso.

Già nel 2006 la UK’s Advertising Standards Authority (ASA) aveva notato come i trailer dei giochi fossero “fuorvianti” per gli utenti: di seguito vi riportiamo un elenco dei casi più particolari degli ultimi tempi.

Alien: Colonial Marines

colonial-marines

Alien: Colonial Marines è stato fiasco all’uscita, soprattutto perchè non gli è stato perdonato di aver illuso molto gli utenti con dei gameplay nei trailer nettamente differenti da come è stato poi presentato: se all’inizio del turbolento progetto la IA dei nemici doveva essere qualcosa di mai visto prima, si è poi rivelata una normale IA. La stessa SEGA, l’azienda produttrice, ha poi ammesso che il gioco rispecchiava per niente quanto atteso, e si è proposta di mettere ben visibile un disclaimer che sottolineasse queste differenze.

Dark Soul 2

Dark-Souls-II-71

Anche con l’appena uscito Dark Soul 2 si è visto un notevole downgrade grafico, che è dovuto – a detta dei produttori – del rapido invecchiamento di Xbox 360 e PlayStation 3 che non ha fatto altro che tarpare completamente le capacità di calcolo della versione finale del gioco versione console. La domanda che tutti si pongono ora è: sarà così anche per la verisone per PC? Speriamo di no.

Per fortuna Dark Soul 2 non ha gli stessi problemi di Alien: Colonial Marine sul reparto vendite.

Watch_Dogs

Anche con Watch Dogs, complice uno sviluppo non semplice, ci sono starti dei problemi con la grafica, come si può vedere dal video qui sotto. Il motivo della migliore grafica nella presentazione è presto detto: Ubisoft non aveva idea delle reali capacità delle allore future console next-gen, per cui usò per pubblicizzare il videogioco un video della versione per PC.

inFamous: Second Son

InFamous-Second-Son

In inFamous: Second Son vediamo un downgrade soprattutto nei dettagli delle facce, come si può vedere nell’immagine sopra: il problema è che la casa produttrice nega tutto, portando ovviamente alcune prove, dando semplicemente la colpa alla differente luce presente nell’ambiente, che sarebbe stata necessità di scena.

Definitely no visual downgrade of graphics since then!

C’è però chi ha ancora qualche dubbio, e non senza qualche ragione. Sarebbe piuttosto grave che un videogioco puramente next-gen avesse questo tipo di difetti,

Chi è il responsabile di tutto questo? Facile, il business. E’ ovvio che è meglio presentare qualcosa come senza difetti e al massimo della qualità possibile, ma è ovviamente una lama a doppio taglio: è meglio presentare qualcosa di realistico che qualcosa di falso. Se il prodotto è buono il cliente lo compra, come ben sa chi compra giochi in fase alpha da Steam, aiutando gli sviluppatori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS