MCF e iOS 7: la rivoluzione dell’hotspot personale

1352
0
CONDIVIDI

Mai sentito parlare di FireChat?  Si tratta di un’applicazione di messaggistica istantanea sbarcata da poco su App Store ma destinata a fare strada perchè sfrutta il Bluetooth per stabilire una connessione “peer-to-peer” fra due dispositivi e poter chattare senza bisogno di collegarsi ad internet. Cosa c’entra con Apple? Beh, lo stesso principio di connessione descritto sopra è presente, ma nascosto, su iOS 7: si chiama Multipeer Connectivity Framework (o MCF) e con l’OS di Apple riesce a moltiplicare esponenzialmente le sue potenzialità dando vita da una vera e propria condivisione a catena della connessione internet (simile al già esistente Hotspot Personale ma di gran lunga più innovativo). Rivoluzionario? Leggete e giudicate voi stessi!!

multipeer-connectivity-featured

Oltre alla possibilità di chattare senza bisogno di connessione internet il vantaggio più considerevole è un’altro: il wireless mesh networking, cioè la possibilità di condividere a catena fra gli utenti la propria connessione internet sull’iPhone o iPad. In pratica un utente condivide con voi la sua connessione e voi -la stessa- di nuovo ad un’altro e così via, incredibile no? E pensate alle infinite possibilità di applicazione con i dispositivi iOS, ad esempio in luoghi dove il segnale internet non è disponibile oppure in paesi sottosviluppati dove l’accesso internet è limitato a pochi. Basterà premere un pulsante e il proprio device (tramite Wi-Fi o Bluetooth) renderà disponibile la connessione che passerà esponenzialmente a sempre più persone man mano che la “ri-condividono”. Nel caso, ovviamente, un dispositivo manchi a questa catena tutti gli altri ne cercheranno un altro nelle vicinanze garantendovi (ove possibile) una connessione continua.

E’ proprio una bella alternativa al “monogamo” Hotspot che potrebbe cambiare il modo di comunicare, non credete? Commentate qui sotto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS