Cina: le ricerche con Bing più censurate rispetto a Baidu

754
0
CONDIVIDI

Il servizio cinese di monitoraggio web GreatFire sta ancora una volta sollevando obiezioni sul modo in cui Bing opera in Cina. Questa volta sostiene che motore di ricerca Microsoft censura pesantemente i dati ottenuti all’interno del paese, molto di più rispetto al suo concorrente cinese Baidu. Il mese scorso, Bing è stato messo in discussioni perchè censurarava le informazioni sulla Cina non solo all’interno del paese, ma in tutto il mondo. Microsoft aveva successivamente dichiarate di aver sistemato il problema e che si trattava di un errore non di una censura .

Bing dopo l’accusa di GreatFire, spiega che i risultati della ricerca sono gestiti in questo modo nel rispetto della legge locale o per motivi sicurezza come la pedofilia o malware e che i risultati di ricerca al di fuori della Cina non sono modificati in funzione di quanto dice la legge cinese. Le accuse però non si fermano qua e la società di monitoraggio ha voluto mettere sotto la lente di ingrandimento questa censura esaminando 30.000 termini sensibili e non sensibili, simulando delle ricerce sia all’interno che al di fuori della Cina, mettendo poi a confronto questi risultati la GreatFire è riuscita a capire che Bing filtra molto i risultati.

Scendendo nei particolari, Bing ha una black list 139 termini proibiti, e una con 329 siti web e infine una terza dove blocca più di 1.500 indirizzi. GreatFire osserva che Bing blocca tutti i risultati di cinque edizioni in lingua straniera di Wikipedia: giapponese , francese , tedesco, olandese e svedese. Tuttavia, l’organizzazione dice che questi divieti sono stati tolti subito dopo aver segnalato a Microsoft il problema.

GreatFire ha poi voluto mettere a confronto la censura di Bing con il motore di ricerca cinese Baidu. Facendo un testo con l’indirizzo  heweifang2009.blog.163.com, sito di proprietà dal professor He Weifang, un pro-democrazia giurista importante esponente dell’Università di Pechino. Facendo il testo la società ha riscontrato che Baidu non filtra il blog, gestito da NetEase, una delle principali società internet cinese, ma è stato censurato interamente da Bing.

GreatFire chiede che Microsoft di spiegare perché Bing censura così tanto il contenuto compreso i contenuti interni allo stato cinese che non sono censurati da siti con base in Cina come Baidu, invitando a Microsoft a rivelare i processi interni e dei meccanismi di omologazione di un contenuto per capire cosa succede ogni volta che arriva una richiesta di censurare un contenuto cinese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS