Real ai quarti, lo Schalke ci prova ma è fuori

57
0
CONDIVIDI

Real Madrid – Schalke 04        3-1 

 

Real: Casillas; Nacho, Ramos, Varane, Contrao; Isco, Xabi Alonso, Illarramendi; Jesè, Ronaldo, Morata.  All. Ancelotti 

Schalke: Fährmann, Hoogland, Höwedes, Matip, Kolasinac, Ayhan, Neustädter, Obasi, Meyer, Draxler, Huntelaar.  All. Keller

Arbitro: Sergey Karasev

Marcatori: 21′, 74′ Cristiano Ronaldo, 31′ Hoogland, 75′ Morata

 

Uno Schalke 04 coraggioso e spavaldo, esce dalla Champions League perdendo con onore al Santiago Bernabeu di Madrid. Forse era impossibile cancellare la debacle dell’andata, anche se i ragazzi di Jens Keller hanno tentato di rendere meno amara un’eliminazione già scritta, battendosi con orgoglio davanti ad una delle squadre più forti del mondo.  Alla fine la maggior qualità tecnica degli spagnoli, con un Cristiano Ronaldo di nuovo superlativo, ha permesso alla compagine di Carlo Ancelotti di vincere l’incontro e qualificarsi meritatamente ai quarti di finale.

Entrambi gli allenatori hanno pensato al campionato risparmiando i migliori e dando spazio a tanti giovani terribili. Keller ha tenuto fuori Boateng e Farfan, dando fiducia a Obasi, Ayhan e Hoogland e trovando anche tante risposte positive. Contro il Real il divario è però talmente grande che è impossibile evitare la rete dell’1-0 di Ronaldo, che sfrutta la meglio un assist del neo entrato Bale. Proprio il gallese entrato al 9′ per sostituire l’infortunato Jesè, sarà autore di una partita splendida e di ben tre assist vincenti. Lo Schalke non si da per vinto e quasi a sorpresa trova la zampata del pareggio grazie ad un destro da fuori area di Hoogland. I tedeschi giocano bene e Huntelaar sfiora anche la rete del vantaggio spedendo fuori a tu per tu con Casillas. Di li in poi però è solo Real Madrid, con Ronaldo e Bale imprendibili per Howedes e compagni e capaci di di costruire almeno 7 nitide palle gol che prima Ronaldo (destro terrificante dopo un dribbling su Matip) e poi Morata, bravo a raccogliere un altro assist di Bale dopo una traversa di Ronaldo, mettono in rete per il 3-1 definitivo.

Lo Schalke esce dalla Champions League sommerso da una valanga di 9 reti ed ha il rammarico di aver pescato forse la squadra più forte della manifestazione. Il test è stato utile a capire quanta strada ci sia da fare per diventare grandi in Europa. Il DS Heldt sta cercando di costruire una squadra all’altezza ma per arrivare a certi livelli c’è bisogno ancora di molto tempo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS