Facebook: nuove regole per le pagine che trattano armi

714
0
CONDIVIDI

Facebook potrebbe presto annunciare nelle prossime settimane alcuni cambiamenti della politica aziendale per le pagine che trattano armi. Come avevamo già riportato in un post il social network era stato sotto pressione per la facilità con cui si potevano comprare le armi e accusato da associazioni come Against Illegal Guns e dal gruppo Moms Demand Action nel vietare pagine fan con questo tema davvero scomodo.

Fonti vicine al social network dicono che i colloqui per risolvere questo problema sono in corso e che non ci sono stati sviluppi positivi. Una vasta indagine effettuata da VentureBeat la settimana scorsa ha portato alla luce la presenza di una rete di adulti e bambini che comprano e vendono armi attraverso le numerose pagine fan di Facebook dedicate a questo mondo violando tra l’altro le leggi federali in vigore.

Lo scorso ottobre uno studente di 15 anni di un liceo del Kentucky, aveva comprato una pistola da 9 millimetri da un uomo incontrato attraverso una pagina fan di Facebook. L’adolescente era stato poi arrestato trovandolo con la pistola carica all’interno del campus della Greenup County Highschool . Il venditore, che si era recato appositamente dall’Ohio al Kentucky per concludere la vendita era stato arrestato dichiarando allo sceriffo di aver venduto altre pistole a persone che incontrava sulle pagine fan di Facebook.

I due gruppi contro le pagine sulle armi hanno recentemente unito le forze per aumentare la pressione su Facebook perchè esca da questo business. Il gruppo
A Moms Demand Action ha attivato petizione su Change.org per proibire la vendita su Facebook e Instagram raccogliendo più di 94.000 firme.  La petizione si rivolge all’amministratore delegato di Instagram Kevin Systrom e al numero uno di Facebook Mark Zuckerberg:

a:  Mark Zuckerberg , CEO di Facebook  Kevin Systrom, CEO di Instagram
Le tue piattaforme consentono purtroppo agli utenti di acquistare, vendere armi da fuoco senza dover dichiarare i precedenti penali. Atri siti tra cui Craigslist, eBay e Google hanno già vietato queste venditi. Ti chiediamo di mettere fine a questa vendita di pistole sui social media e quindi di proibire la vendita di armi dalle vostre piattaforme immediatamente.
Cordiali saluti ,  [ Il tuo nome ]

Una portavoce di queste associazioni contro le armi illegali, ha dichiarato a VentureBeat la scorsa settimana che attualmente chiunque può andare su Facebook e Instagram e comprare una arma. Aggiungendo che le due società devono rivedere assolutamente le loro politiche. Facebook, va chiarito non è un sito di e-commerce – spiega il portavoce- e quindi non vende nulla. Non si possono comprare le cose su Instagram e Facebook, – aggiunge – ne è possibile promuovere la vendita o l’uso di armi nella pubblicità ma chiediamo a tutti gli utenti di segnalare la presenza di queste attività fuorilegge.

Attendiamo quindi comunicazioni in merito da Menlo Park e su come il primo social al mondo vorrà gestire questo argomento davvero difficile e complicato. Un problema che sicuramente tocca più da vicino gli Stati Uniti visto l’enorme mercato delle armi presente e agli innumerevoli fatti di cronaca dovuti proprio alla troppa presenza di armi nelle case degli americani.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS