Magath, no all’Amburgo: “Decisione giusta”

39
0
CONDIVIDI

Il grande rifiuto. Così la stampa tedesca ha rinominato il mancato accordo tra Felix Magath e l’Amburgo. Il veterano tecnico tedesco, non ha voluto accettare l’offerta di allenare il club anseatico cercando di salvarlo dalla retrocessione. Le ragioni del suo rifiuto sono tante e l’ex tecnico di Bayern e Wolfsburg le ha volute spiegare tramite la sua pagina Fecebook, scrivendo il perchè della sua decisione:

“Sarei stato onorato di aiutare il club ma purtroppo molti non vogliono questo. In società, nel consiglio di sorveglianza e nel gruppo HSV plus, ci sono troppe persone che remano contro di me e pensano solo ai loro interessi personali. Non credo che si potesse iniziare un percorso importante in questo modo, senza onestà, interessi comuni e in un ambiente in cui ognuno insiste sulle proprie posizioni. Se l’Amburgo vuole salvarsi deve mostrare unità di intenti e unione. Questo porta forza anche alla squadra. Divisioni interne e guerre intestine, rischiano di distruggere il club. Quando le cose non vanno il colpevole è sempre l’allenatore, ma credo che in questo caso  la responsabilità sia più della società Amburgo che di Van Marwijk”. 

Parole forti quelle del tecnico di  Aschaffenburg, che ha di fatto scagionato l’attuale tecnico Van Marwijk dando le colpe della drammatica situazione dell’Amburgo alla società.

A questo punto si fa sempre più probabile l’ipotesi Mirko Slomka, già contatto dal consiglio di sorveglianza del club. L’ex tecnico dell’Hannover potrebbe accattare l’offerta anche senza avere pieni poteri come richiesto da Magath.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS