La sindrome di Horner

505
0
CONDIVIDI

La sindrome di Horner è una patologia che interessa l’occhio e il viso e consiste in una lesione alle fibre del nervo simpatico dell’occhio.

Il danno di queste fibre provoca:

  • Ptosi palpebrale, ossia un abbassamento della palpebra;
  • Miosi, ossia un restringimento della pupilla;
  • Enoftalmo, ossia il rientro dell’occhio nell’orbita;
  • Anidrosi, ossia l’assenza di sudorazione e lacrimazione sulla parte colpita del volto.

Tra le cause troviamo:

  • Tumore nella parte superiore del polmone;
  • Lesioni del plesso brachiale;
  • Ictus o lesione del tronco celebrale;
  • Lesione alla carotide;
  • Emicrania.

Per identificare tale sindrome è necessario effettuare alcuni esami del sistema nervoso quali:

  • TAC del torace;
  • Radiografia del torace;
  • Esame oculistico;
  • Esame del sangue;
  • Risonanza magnetica dell’encefalo;
  • Ecografia carotidea;
  • Angiografia o angiogramma a risonanza magnetica.

Attualmente non esiste una cura specifica per la sindrome di Horner, tuttavia il medico, a seconda della causa, procederà con la giusta terapia.

 

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite sul sito CurioMed sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS