I Simpson: 10 cose che potreste non sapere

172
0
CONDIVIDI

Chi di voi non ha visto, almeno una volta, anche per sbaglio, una puntata de “I Simpson“. Questa serie animata con protagonisti completamente gialli ha spopolato non solo in America, ma in tutto il resto del mondo. In questo articolo vogliamo segnalarvi 10 cose che potreste non sapere de I Simpson“:

  1. Vi sarete sicuramente chiesti perché “I Simpson” sono stati fatti gialli. Beh, la risposta è semplice. Perché così sarebbero stati riconoscibili istantaneamente a chi fa zapping tra i canali;
  2. Questa serie animata realizzata da Matt Groening è il più longevo show sceneggiato trasmesso in prima serata;
  3. È anche lo show con più guest star di sempre (più di 600 in 532 episodi);
  4. La rete televisiva Fox viene continuamente presa in giro durante i vari episodi poiché il produttore James L. Brooks è riuscito ad ottenere un particolare accordo con questa emittente, che toglie a Fox qualsiasi controllo creativo sullo show;
  5. Quando Maggie viene passata sullo scanner della cassa nella sigla iniziale il prezzo che compare è 847,63 dollari. Nel 1989 questa cifra era la spesa media mensile per crescere un bambino.
  6. Tutti i personaggi hanno quattro dita, tranne Dio e Gesù.
  7. La madre di Groening si chiamava Margaret (Marge) Wiggum (Wiggum è il cognome del commissario Winchester nella versione originale). Margaret Wiggum sposò Homer Groening. Ebbe cinque figli: Patty, Mark, Matt, Lisa e Maggie. Anche la sorella di Margaret Wiggum si chiamava Patty.
  8. Nella versione in arabo, Homer si chiama Omar Shamshoon, beve bibite gasate invece che birra Duff e mangia salsicce egiziane di manzo.
  9. I doppiatori dei sei personaggi principali guadagnano all’incirca 300.000 dollari ad episodio. Fino a poco tempo fa il loro stipendio ammontava a circa 400.000 dollari ad episodio.
  10. Matt Groening creò “I Simpson” pochi minuti prima di un meeting con la produzione. Non voleva perdere i diritti del suo fumetto “Life in Hell”, quindi si inventò qualcos’altro.

fonte | Il Post

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS