La quota di Apple nel mercato degli smartphone continua a diminuire di anno in anno

1393
0
CONDIVIDI

Sarà la concorrenza, sarà la poca innovazione, sarà anche la scomparsa di Steve Jobs, ma Apple continua a perdere quote di mercato nel settore della telefonia mobile. Questi dati vanno in netto contrasto con le vendite, che invece aumentano.

L’analisi che vi riportiamo è stata effettuata da una delle più importanti società di ricerche del mondo, la Kantar Worldpanel, che definisce il momento che Apple sta vivendo anomalo e ricco di alti e bassi, che però non le stanno giovando molto. Secondo la società di ricerche infatti, le vendite di smartphone continuano a crescere mese su mese, dopo il rilascio di iPhone 5s e 5c, soprattutto grazie all’entrata in gamba tesa nel mercato cinese e agli accordi effettuati con i maggiori gestori del paese. Tuttavia, la sua quota, della maggior parte dei principali mercati, rimane inferiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in quanto i rivali sono nettamente aumentati e i prodotti migliorati.

Dominic Sunnebo, strategic insight director della Kantar Worldpanel, commenta così:

“Mentre non c’è dubbio che le vendite di iPhone 5s e 5c sono stati forti, sono risorti in maniera netta LG, Sony e Nokia che hanno reso la sfida con Apple sempre più pungente. Windows Phone, per esempio, è ora il terzo più grande sistema operativo in tutta Europa con il 10,0%, più del doppio della sua quota rispetto allo scorso anno”.

Apple ora rappresenta il 69,1% del mercato giapponese, il 43,1% negli Stati Uniti, 35% in Australia e il 30,6% in Gran Bretagna.

File picture shows a worker cleaning in front of an iPhone 5C advertisement at an apple store in Kunming

Le forti vendite di iPhone 5s e 5c possono essere collegate agli alti livelli di soddisfazione del cliente con entrambi i modelli, nonostante i timori per il 5c, che secondo alcuni avrebbe messo Apple in una situazione che non ha mai vissuto, cioè nella vendita di un dispositivo di secondo grado.

Sunnebo continua:

“Alcune persone temevano che Apple rischiasse i suoi livelli storicamente elevati di soddisfazione dei consumatori attraverso il rilascio di un dispositivo con costo inferiore. Tuttavia, gli ultimi dati per gli Stati Uniti dimostrano che l’iPhone 5c ha un punteggio medio di raccomandazione del 9.0/10. Entrambi i dispositivi attirano diversi clienti, ma fondamentalmente ogni gruppo di proprietari resta molto felice della propria scelta, tanto da consigliarlo ad altri”.

Ovviamente la crescita della concorrenza, sia in campo hardware, quindi con l’arrivo di molte aziende e altrettanti modelli di smartphone, sia in campo software, con l’aumentare delle quote di mercato di Android e Windows Phone, Apple ha perso lo scettro da regina che la contraddistingueva fino a qualche anno fa, dovendo ora lottare con tutte le forse, in primis il mercato orientale, per rimanere sulla scia dell’onda.

Insomma, la colpa è di tutti e di nessuno, ma se la società di Cupertino non si sveglia rischia di crollare.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS