Mai assumere qualcuno fidandosi del suo profilo Facebook

1555
0
CONDIVIDI

Se la persona che state pensando di assumere ha appena postato sulla sua pagina Facebook foto che lo ritraggono ubriaco mentre vomita sul suo gatto significa che non è adatta per la vostra azienda? La risposta, secondo una ricerca portata avanti dal giornalista Kashmir Hill di Forbes è “probabilmente no”.  I nuovi studi portati avanti dai ricercatori dell’Università dello Stato della Florida, dell’Università Old Dominion, dell’Università Clemson e di Accenture hanno evidenziato come non c’è correlazione tra come i datori di lavoro valutino il profilo Facebook della persona e come la persona in questione svolga bene il suo lavoro.

C’è di peggio, i ricercatori hanno scoperto che per i datori di lavoro usare il profilo Facebook come criterio per assumere qualcuno potrebbe rafforzare i pregiudizi razziali. Altre ragioni per cui i potenziali futuri candidati postano cose negative sulle loro pagine Facebook tra cui l’uso del profano, riferimenti ad attività sessuali e citazioni religiose, in altre parole, cose che sono completamente normali per la maggior parte della popolazione mondiale.

“C’è un grande fascino nell’utilizzo di Facebook, i manager che assumono dicono che vogliono ottenere delle informazioni sul carattere del potenziale candidato” ha detto alla rivista Forbes il ricercatore della Clemson Philip Roth. “Appare realmente difficile per le persone no farlo se non hanno una formazione di Risorse Umane. Non vorrei usare Facebook fino a quando non ho la prova che funzioni per la mia organizzazione. Ci deve essere un registro di questo lavoro prima che lo usi e non credo ci sia già”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS