Facebook citata in giudizio per aver spiato messaggi privati

693
0
CONDIVIDI

Facebook è nei guai. Il colosso dei social network sarebbe infatti stato citato in giudizio per aver spiato i messaggi privati dei propri utenti, ovviamente senza il loro consenso. Ad avviare questa causa sono stati Matthew Campbell e Michael Hurley, presso il Tribunale Northern District della California. Gli uomini accusano Facebook di scansionare messaggi privati ​​per estrapolare informazioni a loro utili.

Un portavoce Facebook ha però risposto alle accuse affermando:

“Crediamo che le accuse sono prive di fondamento e ci difenderemo vigorosamente.”

Anche un report di High-Tech Bridge suggerisce che Facebook eseguirebbe la scansione dei link condivisi dagli utenti nei messaggi privati. Se il tribunale dovesse dare ragione a Campbell e Hurley, Facebook si ritroverebbe a pagare una multa di 100 dollari per ogni giorno trascorso a scansionare i messaggi privati degli utenti, violando l’Electronic Communications Privacy Act. Ovviamente i 100 dollari al giorno sono intesi ad utente. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS