Jailbreak iOS7: TaiG non sarà più supportato

1799
0
CONDIVIDI

Tre mesi dopo il rilascio pubblico di iOS 7, il famoso gruppo di jailbreaker Evasi0n ha finalmente reso disponibile il jailbreak untethered. Durante lo sviluppo del software, il team è entrato a contatto con un gruppo di sviluppatori cinesi i quali volevano che il loro store di applicazioni, TaiG, fosse installato di default sui dispositivi Apple sbloccati. Dopo aver firmato un contratto tra i due team, Evasi0n ha inserito TaiG tra le applicazioni installate di default al termine dell’operazione di sblocco. L’idea iniziale era quella di migliorare le esigenze degli utente cinesi e anche di diminuire la pirateria in quel paese. TaiG si è però rilevato tutt’altro rispetto a ciò immaginato (e firmato). Il team si è infatti trovato di fronte all’ennesimo Store di applicazioni pirata.

Come già anticipato, l’idea iniziale non era però questa. Evasi0n aveva infatti affermato che TaiG “ben si adatta a soddisfare le esigenze degli utenti per il mercato cinese”. Tra l’altro nel contratto firmato si può notare come, tra le tante condizioni, vi sia anche il divieto alla pubblicazione di app pirata.

In entering the agreement with them, we had hoped and continue to hope that our cooperation with Taig will improve the piracy situation in China. Many App Stores within China, including those run by large corporations, have many issues with pirated software. Promoting an app store that is required not to have piracy with our jailbreak, we believe, will help developers.

In questa situazione non tutti erano d’accordo; fra questi c’è Saurik, il padre del jailbreak.

saurik

Dopo numerosi richiami, il team Evasi0n ha infine deciso di rimuovere TaiG dal tool per il jailbreak. La conferma arriva da pod2g, sviluppatore del team.

img2

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS