Gaia: la sonda spaziale con fotocamera da 1 miliardo di pixel

1286
0
CONDIVIDI

L’esplorazione dello Spazio non si ferma mai, grazie anche all’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che ha appena lanciato la sua ultima sonda: Gaia. La missione, costata 1 miliardo di euro, è partita ieri dalla base in Guaiana francese. Il suo scopo è quello di studiare, in 5 anni, migliaia di stelle e corpi celesti, grazie a una strumentazione molto più potente della precedente sonda (Hipparcos), di scoprire anche nuovi pianeti extrasolari e di ricostruire la vera forma della nostra galassia e la nostra posizione all’interno di essa.

Pensate che su Gaia sono montati due telescopi da 6 specchi e un potentissimo sensore CCD (fotocamera) da 1 miliardo di pixel. Questo potentissimo sensore potrà scattare immagini molto precise da grandi distanze, basti pensare che sarebbe in grado di mostrare lo spessore di un capello da oltre 1000 chilometri di distanza. Insomma tecnologie e numeri molto lontani da quella che è l’elettronica di consumo.

Voglio sottolineare, infine, che al progetto hanno collaborato anche tanti scienziati e giovani ricercatori italiani, e che il nostro Paese è il secondo nel consorzio Astrium di 16 Stati che vi hanno partecipato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS