Scoperto l’anello mancante tra i neandertaliani e i denisoviani

456
0
CONDIVIDI

Nel nord della Spagna, precisamente nelle grotte di Atapuerca, si trova la Sima de los huesos (buca delle ossa), un pozzo profondo ben 12 metri in cui sono stati rinvenuti i resti di 28 ominidi. Il DNA presente su tali ominidi risalirebbe a 400.000 anni fa, quindi siamo davanti al più antico genoma umano mai sequenziato. Da analisi più approfondite è emerso che un femore, da cui è stato estratto il DNA, risulta appartenere ad una specie sconosciuta, forse l’anello mancante tra i neandertaliani e i loro misteriosi cugini denisoviani.

Chris Stringer, del Museo di storia naturale di Londra, ha dichiarato:

Questo genoma ci porta indietro di almeno qualche centinaio di anni, verso l’antenato che abbiamo in comune con gli ominidi.

Il DNA più antico risale però a 700.000 anni fa e appartiene ad un cavallo. Poiché gli ominidi della Sima de los huesos somigliano ai neandertaliani e venivano in Europa, i ricercatori si aspettavano che il DNA fosse simile a quello dei neandertaliani. Con grande sorpresa si è scoperto però che esso è più vicino a quello dei denisoviani, una specie nota grazie all’osso di un dito e a due molari rinvenuti in una grotta siberiana.

fonte | TechGenius

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS