Spettacolo a Berlino, l’Hertha affonda il Werder 3-2

78
0
CONDIVIDI

Herta Berlino – Werder Brema   3-2

 

Berlino: Kraft; pekarik, Lustenberger, Brooks, Schulz; Cigerci, Hosogai; Ndjeng, Ronny, Skjelbred; Ramos.  All. Luhukay

Werder: wolf; Gebreselassie, Lukimia, Caldirola, Garcia; Makiadi, Bargfrede; Elia, Hunt, Di Santo; Petersen.   All. Hunt

Arbitro: Dingert

Marcatori: 15′ Petersen (W), 17′ Ramos (rig. B), 26′ Ramos (B), 32′ Hunt (W), 48′ Ronny (B)

 

Vola l’Hertha, sprofonda il Werder. La sedicesima giornata di Bundesliga si apre con il successo dei biancoblu di Luhukay 3-2 contro i Verdi di Dutt, al termine di una bella partita combattuta e decisa da una rete di Ronny ad inizio ripresa. Il Werder non è riuscito a dimenticare le 7 sberle prese contro il Bayern con una vittoria e si trova ora al quartultimo posto in classifica e con il morale sotto i piedi. Torna invece a vincere e a segnare in casa l’Hertha, che grazie alle magie delle sue stelle d’attacco, si porta al sesto posto in classifica scavalcando momentaneamente anche lo Schalke 04. Grande Berlino in avvio e ottimo Werder nelle ripartenze, con Skjelbred e Hunt, autentici protagonisti della gara. I gol però li segnano inizialmente Ramos e Petersen, con le due squadre che evidenziano grandi limiti difensivi. Alla fine ha vinto la quadra che ci ha creduto di più e che ha avuto la forza di attaccare a testa bassa dal primo all’ultimo minuto, nel pieno stile Luhukay. Importante la rete di Ronny, non solo per il risultato ma anche per il morale del brasiliano tornato finalmente decisivo per le sorti dell’Hertha. Brema in crisi nera, adesso il futuro di Dutt è davvero legato ad un filo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS