Microsoft lavora ad una Xbox per il mercato cinese

780
0
CONDIVIDI

Se ci seguite da tempo avrete letto sicuramente sulle nostre pagine che in Cina è stato revocato il divieto di messa in vendita delle console da gioco, in vigore dal lontano 2000. Le grandi società che producono prodotti di questo tipo potranno così gettarsi a capofitto su questo enorme mercato. La prima ad effettuare il grande passo sarà Microsoft, che metterà in vendita la sua Xbox in Cina a partire da settembre 2014.

Il governo cinese non ha ammesso mezze misure. Ci sono altri stati che vietano giochi per adulti, lasciando la vendita libera solo ai titoli per bambini. La Cina invece no. Il taglio è stato netto. Niente console in vendita dal 2000, anche quelle portatili. Ma questo perché? Beh, perché i videogiochi danneggerebbero la mentalità dei ragazzi. Ora che il divieto è caduto, Microsoft ha messo in piedi una joint venture con BesTV, un fornitore cinese che lavorerà ad una versione modificata della Xbox. Potrebbe anche non essere la Xbox One che conosciamo, visto che Microsoft la chiama semplicemente “Xbox”.

Tecnicamente questo non è però il primo tentativo di messa in vendita di una console in terra cinese. Anni fa anche Nintendo ci aveva provato, realizzando un “iQue”. I contrabbandieri hanno provato in tutti i modi a far entrare nel territorio cinese console come la PlayStation, la Wii e la Xbox 360, facendosi pagare anche fior fior di quattrini.

Questa prima mossa targata Microsoft spingerà i rivali a fare altrettanto. Chissà, presto il mercato cinese verrà invaso dalle nuove console, così come da giochi violenti, come Grand Theft Auto, o ipnotici, vedi World of Warcraft. Vedremo come reagirà il mercato cinese e lo stesso governo, che potrebbe benissimo fare marcia indietro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS