NSA: otto potenze tecnologiche si uniscono per chiedere riforme

1043
0
CONDIVIDI

Otto delle più importanti aziende tecnologiche si sono unite per chiedere al governo degli Stati Uniti riforme radicali in grado di prevenire quanto accaduto ultimamente con la NSA. AOL, Apple, Facebook, Google, LinkedIn, Microsoft, Twitter e Yahoo hanno firmato una lettera da recapitare al presidente Obama. Ecco un estratto:

“Siamo consapevoli che i governi hanno il dovere di proteggere i propri cittadini, ma le rivelazioni di questa estate hanno evidenziato l’urgente necessità di riformare le pratiche di sorveglianza di governo di tutto il mondo.”

Queste otto potenze tecnologiche chiedono che le richieste da parte dei governi siano supervisionate e responsabili, ma anche trasparenti, al fine di evitare la “liberazione” di un eccessivo flusso di informazioni e conflitti tra governi.

Larry Page, CEO di Google, in merito a questa vicenda ha dichiarato:

“La sicurezza dei dati degli utenti è un fattore critico, ma anche il motivo per cui abbiamo investito così tanto nella crittografia e combattuto per la trasparenza intorno alle richieste d’informazione governative.”

Marissa Mayer, CEO di Yahoo, è convinta che il governo degli Stati Uniti dovrebbe agire subito per ripristinare la fiducia dei cittadini di tutto il mondo, pensiero condiviso anche dal CEO di Facebook Mark Zuckerberg.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS