Galaxy S5: un brevetto conferma lo scanner oculare

2258
1
CONDIVIDI

I rumors sul Galaxy S5 cominciano a farsi sempre più insistenti. Già lo scorso mese di ottobre avevamo sentito parlare di una possibile tecnologia di riconoscimento oculare, che andrà in diretta competizione con il Touch ID utilizzato da Apple su iPhone 5s. A dirla tutta, abbiamo dato poco peso a quell’indiscrezione, ma oggi sembra arrivare l’ennesima conferma in merito. Un nuovo brevetto depositato dall’azienda sudcoreana ci mostra proprio come lavorerà tale sistema di riconoscimento.

Lo scanner effettuerà una scansione del nostro iride, dandoci accesso (oppure no) allo smartphone. Gli strumenti che permettono la scansione dell’iride sono più efficienti e veloci rispetto alle impronte digitali, ma anche ben più costosi. Dal brevetto capiamo che il sensore di prossimità percepirà il momento esatto in cui un oggetto si avvicina alla telecamera. In quel momento partirà il rilevamento dell’iride e la relativa comparazione con le informazioni precedentemente memorizzate dall’utente.

Sembra una tecnologia molto complicata e ancora troppo costosa. Quindi, con molta probabilità, non la vedremo su Galaxy S5, ma su Galaxy Note 4 forse sì.

Samsung brevetto scanner oculare

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Bruno Gaeta

    galaxy F5 come futurama