Gol fantasma, Kiessling: “Ricevo lettere a casa”

65
0
CONDIVIDI

Dopo la sentenza della Federazione calcistica tedesca, che ha deciso la non ripetizione della partita Hoffenheim – Bayer Leverkusen decisa da un gol fantasma, l’attaccante del Bayer Stephan Kiessling ha rilasciato le sue impressioni sull’accaduto al quotidiano di Colonia, Kolner Express. Almeno metà dei tifosi di tutta la Germania sono contro l’attaccante rossonero(autore del gol fantasma), che durante la gara non ha confessato di aver visto la palla entrare in rete da un buco laterale della porta. Da quel giorno Kiessling ha dovuto chiudere il suo profilo Facebook, invaso da migliaia di messaggi di fans inferociti e alcuni molto sopra le righe con offese e minacce. Kiessling spera che la sentenza dell DFB, possa riportare un po’ di pace:

“Spero che il tempo riporti un po’ di serenità. Sto vivendo un momento non facile e ultimamente ho ricevuto anche lettere a casa che mi hanno messo paura. La situazione è diventata insostenibile anche per la mia famiglia. Io ripeto che non ho visto nulla e in futuro mi comporterei esattamente allo stesso modo, anche se spero di non vivere più una situazione simile. Fa malissimo vedere in tv 100 volte al giorno, il replay di quel maledetto gol. Non è una bella sensazione venire ricordato a vita per un gol fantasma. I tifosi spero che capiscano che sono sempre il giocatore leale e sportivo che conoscevano”. 

 

Intanto l’Hoffenheim a tempo fino a venerdì per ricorrere in appello. Soluzione su cui la società sta discutendo se esercitare o no, con il rischio di mettersi contro la decisione della Federazione. A giorni verrà comunicata la decisione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS